Gli occhi delle renne cambiano colore con le stagioni, passando dal giallo dorato estivo al blu scuro invernale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutti gli animali, compresi gli umani, sono in grado di adattare i propri occhi in base alla quantità di luce presente.
In condizioni di oscurità, infatti, i muscoli delle iridi si contraggono per dilatare le pupille e permettere l’ingresso di più luce negli occhi. Al contrario, quando c’è molta illuminazione le pupille si restringono.

Gli occhi delle renne hanno però una marcia in più e sono capaci di cambiare completamente colore in base alle stagioni.
In estate, quando il sole è brillante, gli occhi delle renne sono dorati, mentre con l’avvicinarsi della brutta stagione, le iridi tendono a scurirsi fino a diventare di un blu intenso durante i mesi invernali.

La parte dell’occhio che cambia colore è il tapetum lucidum, uno strato di tessuto riflettente posto dietro la retina. Questo tessuto riflette la luce sulla retina aumentando la quantità di luce disponibile per i fotorecettori.
Il tapetum lucidum contribuisce alla visione notturna di molti predatori che cacciano di notte, ed è responsabile di quel bagliore che vediamo al buio quando illuminiamo gli occhi dei nostri amici gatti.

Durante l’inverno, le pupille della renna sono costrette a rimanere dilatate per mesi e questa costante pressione sui muscoli dell’iride cambia la struttura dell’occhio.
Con l’aumento della pressione all’interno dei bulbi oculari, le lunghe fibre di collagene che compongono il tapetum lucidum si riorganizzano, impaccandosi.
Lo spazio presente tra queste fibre influenza il tipo di luce che riflettono: durante i mesi estivi le fibre sono più lasse, quindi il tapetum lucidum riflette le lunghezze d’onda gialle e gli occhi appaiono dorati, mentre quando gli spazi si restringono, si modifica la lunghezza d’onda riflessa e gli occhi appaiono blu. In condizioni di luminosità intermedie, gli occhi delle renne virano verso il verde.

Gli occhi blu sono almeno mille volte più sensibili alla luce
di quelli dorati, mentre la sensibilità degli occhi verdi sta nel mezzo.
L’aumentata sensibilità consente alle renne di vedere al buio, fattore essenziale per la loro sopravvivenza durante i lunghi mesi di oscurità.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook