Clathrus archeri, il fungo che sembra un polpo (FOTO E VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un polpo? Non esattamente. Il Clathrus archeri è un fungo saprofita, che cresce in terreni acidi ricchi di resti di legno marcescenti. Comunemente noto come Octopus Stinkhorn, è originario dell’Australia e della Tasmania, anche se è stato introdotto in Nord America, Asia ed Europa, e cresce formando tra i 4 e i 7, attaccati alla parte superiore.

Le braccia, lunghe ed elastiche, man mano si dispiegano nel giro di qualche ora, rivelando un interno rosso-rosato con macchie color verde oliva. Nella sua maturità secerne un odore che ricorda la carne putrida, che servirà ad attrarre mosche che inconsapevolmente diffonderanno la specie.

È a questo particolare punto del ciclo di vita che si deve anche la sua denominazione popolare nel Regno Unito, ovvero “dita del diavolo”, anche se ai più ricorderanno forse le sembianze un polpo. Sembra quasi che questa creatura stia cercando di venir fuori dalla terra, agitando i suoi tentacoli in un disperato tentativo di trovare la libertà. Eppure, appena poche ore dopo, il fungo comincerà a disintegrarsi.

Ma come ha fatto a diffondersi dall’Australia al resto del mondo? La verità è che molto probabilmente è stato introdotto accidentalmente. Si ritiene che verso la fine del XIX secolo possa essere stato esportato attraverso un sacco di lana, destinato per le filature d’Europa. E ‘stato scoperto in Francia nel 1918 nei pressi di una base militare che era stata occupata dalle truppe australiane durante la prima guerra mondiale. Le sue spore molto piccole, ma resistenti, sopravvissero all’immenso tragitto, trovando un nuovo habitat in cui prosperare.

Il primo esemplare di Clatrhus archeri nelle Americhe è stato osservato nel 1980. Allo stesso modo dell’Europa, si ritiene che il fungo sia stato introdotto nel terreno di piante esotiche importate negli Stati Uniti. Il fungo polpo è diventato così una delle specie invasive che non sono considerate come una minaccia per la fauna selvatica autoctona o altra vegetazione.

Roberta Ragni

Fonte e foto

LEGGI ANCHE:

Flying Duck Orchid: l’orchidea a forma di anatra

Monkey Orchid: l’orchidea a forma di scimmia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook