Scoperto in Amazzonia un fungo “mangia plastica”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sembra incredibile, ma un gruppo di studenti e ricercatori impegnati in una spedizione scientifica nella foresta amazzonica avrebbe scoperto un fungo in grado di intervenire nel processo di degradazione delle materie plastiche. Non ci stupisce però che il fungo mangia plastica sia stato scoperto all’interno di quello che viene considerato un vero e proprio paradiso della biodiversità, come ci mostra l’ultima mappatura della foresta pluviale sudamericana.

La scoperta è avvenuta grazie alla spedizione che l’Università di Yale organizza annualmente per permettere agli studenti di sperimentare direttamente sul campo le conoscenze acquisite durante il proprio percorso di studi. Gli universitari, guidati dal professor Scott Strobel, docente di biochimica molecolare dell’istituto statunitense, si sono avventurati nella fitta vegetazione pluviale dell’Ecuador per studiare i microrganismi presenti sulle piante.

Sono così giunti ad individuare un fungo, la cui esistenza era finora ignorata da parte del mondo scientifico, in grado di cibarsi di poliuretano, polimero impiegato per la produzione di diversi materiali utilizzati ad esempio per la fabbricazione di imbottiture per materassi e divani, elastici, guarnizioni e lastre termoisolanti, la cui scomposizione, una volta tramutatisi in rifiuti, aveva finora richiesto diversi decenni.

L’aspetto che interessa maggiormente i ricercatori è che il fungo in questione, appartenente alla specie Pestalotiopsis microspora, sarebbe in grado di sopravvivere nutrendosi esclusivamente di poliuretano grazie ad un processo che avverrebbe esclusivamente in condizioni di assenza di ossigeno, cioè in un ambiente anaerobico che potrebbe essere molto simile a quello presente sul fondo delle discariche.

La speranza degli studiosi risiede proprio nel fatto di poter riuscire ad applicare la scoperta per facilitare e velocizzare la degradazione dei rifiuti contenenti tale materiale. Sono già stati isolati in laboratorio quegli enzimi che permettono al fungo di nutrirsi, nel vero senso della parola, di poliuretano. In futuro i compattatori di rifiuti potrebbero essere abitati proprio da funghi come questo. I risultati delle ricerche finora effettuate sono stati pubblicati dall’autorevole rivista scientifica AEM – Applied and Environmental Microbiology.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook