Mamma, si sta rimpicciolendo la foresta! Colpa dei cambiamenti climatici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non solo diminuiscono le dimensioni del pene degli uomini, anche gli alberi si stanno rimpicciolendo! È quanto ha scoperto uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences. La colpa? Neanche a dirlo, è del cambiamento climatico, che sembra esserne il fattore determinante.

Il numero degli alberi più grandi è diminuito del 50 per cento nelle foreste della California. Nessuna area è risultata immune, dalla costa settentrionale alle montagne della Sierra Nevada. E in alcune zone del sud dello stato il calo è stato addirittura di quasi il 75 per cento.

La perdita è stata maggiore nelle zone in cui gli alberi avevano sofferto il deficit idrico più grande. I ricercatori hanno stimato lo stress idrico con un modello al computer, tenendo conto delle precipitazioni, della temperatura dell’aria, dell’umidità del suolo e della tempistica di scioglimento della neve. Un’altra causa potrebbe essere che molti di questi alberi hanno germogliato secoli fa, quando il clima della California era più freddo.

Mentre il numero di grandi diminuisce, il numero di alberi più piccoli è lievitato in tutto lo Stato. E un altro segno che il clima sta cambiando è nel fatto che le foreste le querce stanno sostituendo i pini in vaste aree. Il futuro sembra difficile per i grandi alberi della California. Entro il 2100, la temperatura media dello Stato potrebbe aumentare, aumentando lo stress idrico del 30 per cento.

La perdita di tali alberi ha importanti implicazioni. Al di là della loro imponenza romantica, i grandi alberi svolgono un ruolo ecologico fuori misura. Essi producono più semi, resistono ai danni degli incendi e assorbono più CO2 rispetto ai loro fratelli più piccoli; senza contare che nelle loro cavità vivono animali rari come i gufi e gli scoiattoli volanti.

Intanto un altro studio, questa volta condotto dai ricercatori dell’Università del Minnesota e pubblicato sulla rivista Nature Climate Change, rivela che più la temperatura aumenta, più cambiano le specie arboree che popolano le foreste. In Canada, in particolare, a risentire dei cambiamenti climatici sono stati soprattutto abete e abete rosso, mentre querce e aceri sembrano aver resistito meglio all’aumento delle temperature.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

Le foreste tropicali assorbono più anidride carbonica di quanto si pensasse

Sequoie secolari: i 3 alberi più imponenti del mondo

I 10 alberi più strani del mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook