Flying Duck Orchid: l’orchidea a forma di anatra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Flying Duck Orchid, l’orchidea anatra volante. Proprio come la Monkey Orchid, di cui vi abbiamo parlato qualche tempo fa, prende il nome dalla sua somiglianza a una scimmia, anche la Flying Duck Orchid deve il nome al suo aspetto, che ricorda quella di una piccola anatra che spicca il volo, con la testa e il becco proiettati verso l’alto e le alta e le ali piegate all’indietro.

Se non siete mai stati nel deserto australiano, è probabile che non l’abbiate mai vista prima. Nonostante i numerosi tentativi di far crescere questa straordinaria specie in un altro luogo sulla terra, la Flying Duck Orchid sembra rifiutare di riprodursi in cattività. A quanto pare, questo perché le sue radici hanno un rapporto simbiotico con la parte vegetativa di un fungo che si trova solo in Australia.

Il fungo protegge il fiore dalle infezioni. Questo, infatti, senza la sua presenza, non dura mai a lungo. Ma anche se volete imbarcarvi alla volta dell’Australia per vedere l’Orchidea Anatra nel suo habitat naturale, il successo non è assicurato. Bisogna osservare molto attentamente per individuarla. Con i suoi 50 centimetri di altezza non è sicuramente il più piccolo fiore del mondo, ma la sua colorazione rossa e viola l’aiutano a mimetizzarsi perfettamente con il suo ambiente, tanto da renderlo quasi invisibile.

Flying-Duck-Orchid2

Photo Credit

Flying-Duck-Orchid-550x835

Photo Credit

Il fiore di questa pianta, dal nome scientifico Caleana major, non riveste solo una funzione estetica, anzi, svolge un ruolo importante nella sopravvivenza della specie. La sua lunghezza e larghezza sono perfettamente adatte come piattaforma di atterraggio per gli insetti che impollinano questo fiore. Quando atterrano sull’orchidea restano intrappolati. L’unica via d’uscita è attraverso il polline. Madre Natura sa essere geniale, non c’è che dire.

Roberta Ragni

Photo Credit

LEGGI anche:

Monkey Orchid: l’orchidea a forma di scimmia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook