All’Elba rispunta dopo 100 anni la Vanessa multicolore, farfalla ritenuta estinta sull’isola

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una farfalla che all’Isola d’Elba non si vedeva più da oltre un secolo. È la Vanessa multicolore (Nymphalis polychloros), inaspettatamente osservata nel meraviglioso Santuario delle Farfalle “Ornella Casnati” dell’isola. Non la si vedeva da queste parti dal lontano 1916, tanto da essere considerata estinta.

Proprio nel Santuario delle Farfalle, alcuni biologi dell’Università di Firenze, in collaborazione con Legambiente, hanno realizzato un percorso per il monitoraggio della farfalla di San Piero (Zerynthia cassandra) e per analizzare le conseguenze dei cambiamenti climatici sulle popolazioni di farfalle della zona.

È in questa occasione che è rispuntata la Vanessa multicolore, una specie che in Italia è diffusa in tutta la parte continentale, in Sicilia e in Sardegna ed è nota anche delle Isole Tremiti. Quanto all’Isola d’Elba, la Vanessa multicolore è stata riavvistata il 5 giugno 2018, a Monte Perone dal fotografo e naturalista Antonello Marchese, che racconta:

Era il 1916, Albert Einstein aveva da poco pubblicato la Teoria della Relatività e il Barone Rosso volava sui campi, purtroppo, di battaglia, quando l’appassionato ricercatore Orazio Querci, collaborando con l’entomologo Roger Verity documentava per la seconda volta la presenza della Vanessa multicolore all’Isola d’Elba. Verity, medico fiorentino figlio di un nobile inglese e grandissimo ricercatore nel campo dei lepidotteri, era già in possesso di un esemplare della colorata Vanessa. Il campione era stato raccolto precedentemente e consegnato dal noto naturalista elbano Giacomo Damiani, uno dei più importanti studiosi della natura all’Isola d’Elba. Quando Verity giunse all’Elba nel luglio del 1908 fu quindi Damiani, insieme al nipote, a fargli da guida nell’esplorazione dell’isola. Damiani aveva poi continuato a raccogliere in tutte le stagioni campioni di lepidotteri fornendo preziosi dati ed esemplari per la collezione del ricercatore fiorentino”.

farfalla vanessa2

Oggi, gli accertamenti dei biologi dell’Università di Firenze confermano la presenza della Vanessa multicolore sull’isola.

Infine, il 22 aprile, giorno di Pasquetta, gli appassionati di farfalle avranno l’occasione imperdibile di immergersi nella splendida natura elbana attraverso il nuovo percorso “Oasi della farfalla di San Piero”, che sarà presentato al pubblico con una passeggiata di inaugurazione della nuova area del Santuario delle Farfalle.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook