Scoperti i faggi più antichi di Europa: sono in Calabria e hanno oltre 620 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Hanno oltre 620 anni i due faggi scoperti nel Parco Nazionale del Pollino, in Calabria, grazie a una ricerca scientifica che ha permesso di datarli con il metodo dendrocronologico, ovvero tramite la misurazione degli anelli di accrescimento.

Una scoperta molto importante perché i due faggi del Parco sono i più antichi di tutta Europa e oggi prendono il nome di Michele e Norman, ispirati rispettivamente al botanico Michele Tenore, e al viaggiatore e scrittore britannico Norman Douglas, entrambi appassionati delle foreste del Pollino, di cui descrissero le meraviglie naturali.

Grazie a essi, alla naturalità e ai suoi caratteri ecologici, la faggeta del Pollinello è entrata a far parte del Patrimonio dell’Umanità Unesco. Fra l’altro qui è possibile imbattersi in molti alberi che nascono e muoiono secondo un ciclo naturale, cosa alquanto rara nelle foreste di oggi, dove l’intervento umano è la norma.

Ma di chi è il merito di tutto ciò? Del team di studiosi che hanno pubblicato su Ecology la ricerca “Lessons from the wild: slow but increasing long‐term growth allows for maximum longevity in European beech”. Tra di loro si annoverano Gianluca Piovesan, Franco Biondi, Michele Baliva, Giuseppe De Vivo, Vittoria Marchianò, Aldo Schettino e Alfredo Di Filippo.

I ricercatori hanno rivelato che la longevità dei due faggi dipenderebbe da una crescita lenta che però aumenta man mano nei secoli. Quindi se nei primi anni la crescita è molto ridotta, anche a causa di un clima estremo, gli alberi, in generale, tendono a rimanere mediamente più piccoli ma a durare di più.

Tant’è che Michele e Norman sono piuttosto bassi, la loro altezza non supera i 15 metri, e anche questa caratteristica avrebbe contribuito a renderli più resistenti. Come d’altronde si è constatato in altre faggete antiche dei Parchi Nazionali del Casentino e dell’Abruzzo, già Patrimonio mondiale Unesco.

La ricerca, resa possibile grazie alla collaborazione fra Università e Parchi Nazionali come quello del Pollino, non è stata divulgata a caso, l’obiettivo fra gli altri è sensibilizzare gli enti a conservare gli ecosistemi forestali in ottica sostenibile.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Parco Pollino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook