Da ex zona industriale a paradiso della biodiversità, quando la natura si riappropria del territorio

Ogni tanto la natura vince e si riappropria di territori che prima erano ad uso e consumo esclusivo (o quasi) dell’uomo. E’ quello che è avvenuto ad Ardeer, in Scozia, dove un ex zona industriale è tornata ad essere un luogo particolarmente amato da api solitarie, insetti e altri animali. Un vero e proprio patrimonio della biodiversità!

Nella campagna della penisola di Ardeer, nell’Ayrshire scozzese, sorgeva una vecchia fabbrica di esplosivi. Oggi questa distesa abbandonata è stata nuovamente popolata ma non dagli umani, bensì da animali selvatici vari, soprattutto insetti che qui hanno trovato un habitat perfetto per la propria sopravvivenza.

Si tratta di un sito in gran parte abbandonato che si estende su ben 1.700 ettari, fatti principalmente di dune di sabbia dove prima sorgevano alcune ex piccole fabbriche per i test pirotecnici. Di queste ora rimangono solo le rovine, ricoperte dalla vegetazione e dai vecchi cartelli che segnalavano il “pericolo”.

Ebbene proprio questo luogo abbandonato è diventato un prezioso luogo per la biodiversità locale. Negli ultimi anni i naturalisti della zona che hanno visitato l’area sono riusciti a registrare più di 260 specie di coleotteri, oltre che un gran numero di vespe e api solitarie, tra cui le rare Colletes floralis.

colletes fodiens 

A popolare la zona vi è poi il Typhaeus typhoeus, un particolare scarafaggio nero lucente dalle caratteristica corna che si nutre di feci di animali erbivori. Si tratta di uno dei più impressionanti e rari scarafaggi della brughiera.

La penisola di Ardeer è un bene naturale di importanza nazionale. Le dune di sabbia si estendono su gran parte della zona e, il fatto che offrono un riparo quasi perfetto dal vento, fa sì che creino un gran numero di nicchie che a loro volta supportano una notevole varietà di insetti. E’ proprio qui che si trova il più grande patrimonio di api e vespe di tutta la Scozia. Oltre 100 specie di questi insetti sono state individuate in questi luoghi tra cui appunto alcune rarità, come la già citata Colletes floralis e la Andrena ruficrus.

Altre due notevoli specie di api del Nord che si trovano nella penisola di Ardeer sono la minuscola Andrena coitana nera e la più grande e grossa Megachile circumcincta. In queste zone vivono poi anche alcune specie tipiche del Sud come la piccola ape dalla faccia bianca, Hylaeus brevicornis, la Colletes fodiens e la Epeolus cruciger.

farfalla ardeer

Le condizioni climatiche e la generosa disponibilità di fiori selvatici fanno si che vi siano anche molte specie di farfalle e falene. Vi sono ovviamente anche vari uccelli tra cui le ghiandaie.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook