@greenMe

Etna, nuova violenta eruzione nella notte con pioggia di cenere lavica. A Catania consigliato l’uso delle mascherine per proteggere le vie respiratorie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Etna, ormai in piena attività eruttiva dallo scorso febbraio, sembra non avere alcuna intenzione di riposarsi. E ieri notte ha regalato l’ennesimo spettacolo di fuoco e fumo ai siciliani. Così, i bagliori e i tremori del vulcano attivo più alto d’Europa hanno accompagnato i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia contro la Spagna agli Europei 2020.

A fare dell’ironia sulla coincidenza, che tanti utenti hanno notato e condiviso sui social, anche il vulcanologo Boris Behncke dell’Osservatorio Etneo dell’INGV.  “Nella notte fra il 6 e il 7 luglio 2021, mentre si festeggiava l’ingresso degli Azzurri nei finali del campionato Europeo, l’Etna ha aggiunto i suoi fuochi d’artificio” scrive Behncke. 

 

Il nuovo parossismo, per l’esattezza il 44esimo dal 16 febbraio, è iniziato intorno alle 23.30 per concludersi poco dopo le 2. L’attività stromboliana del Cratere di Sud-Est è stata accompagnata da una piccola colata ad una quota di circa 2.800 metri sul livello del mare e da una fitta nube eruttiva, alta circa 5 km, che ha provocato una ricaduta di pioggia di cenere lavica su Catania e altri comuni della provincia, come Pedara ed Aci Bonaccorsi. 

Come accade ormai di frequente, a causa della caduta di sabbia l’aeroporto Fontanarossa di Catania è stato chiuso per alcune ore per poi riaprire in mattinata dopo gli interventi di pulizia. 

Catania: prudenza nelle strade e uso di mascherine all’aperto per proteggere le vie respiratorie

A seguito dell’eruzione e della conseguente ricaduta di cenere lavica, il Dipartimento regionale della Protezione Civile ha invitato i cittadini dei comuni colpiti dalla pioggia di sabbia a procedere per le strade con prudenza. Inoltre, ha raccomandato ad anziani e disabili di restare in casa finché non verrà rimossa la cenere dalle città e di  di indossare la mascherina per proteggere le vie respiratorie. 

Sulle piazze, le strade e i tetti del capoluogo etneo è presente uno strato fitto di sabbia lavica” – scrive la Protezione Civile in una nota –
La circolazione è compromessa rischio rischio di scivolamento a causa di terreno sdrucciolevole e alto anche a piedi si raccomanda la massima prudenza. È raccomandabile usare la mascherina all’aperto per proteggere le vie respiratorie. È anche suggerito ad anziani e persone con disabilità motorie di restare a casa. Il responsabile di protezione civile del comune di Catania ha provveduto all’ Attivazione del piano di protezione civile per emergenza cenere. Città compromessa da pericolo viabilità particolarmente per motocicli e pedoni.
Attivati i servizi previsti dal piano speditivo.

Fonte: INGV

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook