Centinaia di tartarughe di una specie in via di estinzione sono nate su una spiaggia del Brasile, deserta per il coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Centinaia di tartarughine appena nate che corrono libere verso il mare. È accaduto qualche giorno fa sulle coste brasiliane, esattamente sulle spiaggia Paulista, nello stato di Pernambuco.

In realtà, non si tratta di un evento inconsueto per la località balneare, ma questa volta – grazie al lockdown provocato dell’emergenza Covid-19 – le piccole tartarughe hanno potuto godersi l’emozionante momento in tutta tranquillità, senza essere disturbate da chi in genere si riversa in spiaggia per assistere alla schiusa delle uova. A monitorare la loro nascita e il contatto col mare era presente soltanto un team di scienziati autorizzati del Centro di sostenibilità urbana (NSU) del comune.

“In tutto, 291 tartarughe marine sono nate sulla costa di Paulista nel 2020, con 87 tartarughe verdi e 204 tartarughe embricate. Questa volta, a causa di misure preventive contro il nuovo coronavirus, la popolazione non ha potuto osservare da vicino la nascita”.

spiega Herbert Andrade, responsabile ambientale di Paulista, chiarendo che questa misura restrittiva aveva lo scopo di preservare sia la salute dei tecnici coinvolti nell’operazione che i cittadini dell’area.

Quella proveniente da Pernambuco è una notizia che fa ben sperare. Infatti, il gruppo più numeroso è costituito da tartarughe embricate, esemplari che – purtroppo – sono stati inseriti nella lista rossa delle specie in via d’estinzione. Fra i principali pericoli che minacciano queste tartarughe marine rientrano innanzitutto la pesca, il bracconaggio e la conseguente distruzione del loro habitat naturale.

E in questo periodo, in cui le spiagge sono deserte a causa della pandemia di coronavirus, la natura ne approfitta per concedersi una tregua. Anche in altre parti del mondo le tartarughe marine sono tornate a godersi i loro spazi sulle spiagge, al sicuro da bracconieri e turisti invadenti. Proprio una decina di giorni fa era accaduto pure in India, sulla costa di Odisha, dove centinaia di tartarughe della specie Olive Ridley hanno potuto nidificare indisturbate.

Fonte: Prefeitura do Paulista 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook