Dolomiti: interi boschi venuti giù. Almeno 100 anni per rinascere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il paradiso delle Dolomiti straziato dal vento e dal maltempo. Le terribili tempeste che nei giorni scorsi si sono abbattute in tutta Italia, hanno parzialmente distrutto uno dei patrimoni boschivi del nostro paese. Interi boschi sono stati sradicati e abbattuti dal vento. Dal Veneto al Trentino, migliaia di alberi sono stati strappati via. I danni ambientali sono senza precedenti.

L’eccezionale ondata di maltempo mostra i suoi tristi frutti. È una vera e propria strage di alberi.La cosiddetta provincia delle Dolomiti, quella di Belluno, è in ginocchio. Non va meglio nel vicentino dove è stata registrata una vera ecatombe per i boschi dell’Altopiano di Asiago. Scenario desolante anche in Trentino, dalla Val di Fiemme alla Val di Fassa. Distrutta anche la celebre foresta di Stradivari.

I tecnici del Patrimonio hanno condotto i primi sopralluoghi nelle zone boschive colpite dalla tempesta di lunedì sera. E la situazione è drammatica. I danni sono paragonabili solo a quanto avvenne con la Grande Guerra: tremila, si ritiene, gli alberi schiantatisi a terra o spezzati pari al 10% del patrimonio boschivo altopianese.

Dal confine orientale dell’Altopiano con Marcesina fino alla zona della Val d’Assa, i boschi sono distrutti e porteranno per decenni i segni delle raffiche di vento che si sono abbattute nell’ara.

“La piana di Marcesina non c’è piùsono le parole del sindaco di Enego, Ivo Boscardin. “Stiamo parlando di oltre mille ettari di boschi andati completamente distrutti. I danni all’ecosistema sono incalcolabili. Nemmeno la guerra aveva ridotto Marcesina così”.

Ecco le terribili immagini delle Dolomiti bellunesi:

In Val d’Assa, lungo la strada provinciale per Trento, la foresta si è piegata letteralmente piegata su se stessa. Stessa strage nella zona delle Melette e nel cuore dei boschi di Foza.

“Scene da bomba atomica. Sono stati vanificati cent’anni di ricostruzione boschiva e pianificazione forestale” ha detto l’assessore al patrimonio di Asiago, Diego Rigoni.

Distrutta anche la celebre foresta di Stradivari

Il vento ha sradicato in una manciata di ore un milione e mezzo di metri cubi di legname, secondo i tecnici dell’ufficio foreste della Provincia autonoma di Trento, più alberi di quanti ne possano tagliare tutti i boscaioli del Trentino in tre anni.

Le suggestive foreste di abete rosso, il tipico albero di Natale delle Dolomiti, sono state devastate da raffiche di vento che hanno superato i 120 kmh. Distrutto anche il Parco di Paneveggio, la celebre “foresta dei violini” in cui Stradivari sceglieva gli alberi migliori per i suoi strumenti.

Gravissimi danni anche all’Altopiano di Piné. Qui il vento ha soffiato a quasi 130 chilometri orari buttando giù un’intero bosco di tre ettari.

Un immenso patrimonio boschivo letteralmente strappato via dalla terra in poche ore.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook