©Shutterstock/Studio Peace

Le diete a base vegetale sono l’unico modo per salvare la biodiversità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Siamo ciò che mangiamo, e questo non vale solo per la nostra salute fisica ma anche per quella della Terra. Le nostre scelte quotidiane, a tavola, influiscono anche sulla perdita di biodiversità in modo significativo. Lo rivela un nuovo report di Chatham House lanciato ieri in collaborazione con UNEP, il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente e Compassion in World Farming.

Secondo l’analisi, il nostro sistema alimentare è la prima causa della perdita di biodiversità e se continuiamo a questi ritmi, con pratiche intensive per la produzione del cibo, finiremo per contribuire alla distruzione degli ecosistemi e degli habitat. Ciò si ripercuoterà sulla nostra stessa sopravvivenza e su quella delle generazioni future.

Numeri alla mano, l’agricoltura, da sola, rappresenta una minaccia per 24.000 delle 28.000 (86%) specie a rischio di estinzione. Inoltre, il tasso globale di estinzione delle specie oggi è più alto del tasso medio degli ultimi 10 milioni di anni.

Il pericoloso circolo vizioso del cibo a basso costo

Negli ultimi decenni il nostro sistema alimentare ha seguito il “paradigma del cibo a basso costo”, con l’obiettivo di produrre più cibo a buon mercato aumentando i fertilizzanti, i pesticidi, l’energia, la terra e l’acqua. Ciò ha innescato un vero e proprio circolo vizioso: abbiamo sì ottenuto cibo a basso costo ma anche una più grande domanda di cibo che deve a sua volta essere prodotto a un costo più basso. Come? Attraverso un’intensificazione ulteriore e altra deforestazione.

Se la perdita di biodiversità è certamente l’aspetto più preoccupante e rilevante legato alla produzione alimentare, lo è anche quello sui cambiamenti climatici. Basti pensare che il sistema alimentare globale è un importante driver del cambiamento climatico, rappresentando circa il 30% delle emissioni prodotte dall’uomo.

sistema alimentare sostenibile

© Compassion in World Farming

Le tre soluzioni per tutelare la biodiversità

Tre sono le soluzioni suggerite dagli autori dello studio: in primo luogo occorre cambiare i modelli alimentari, poi bisogna isolare e proteggere le aree naturali e infine, non per importanza, condurre pratiche agricole in una maniera più rispettosa della natura favorendo la biodiversità.

In particolare, i modelli alimentari globali devono privilegiare diete contenenti più vegetali, soprattutto a causa dell’impatto sproporzionato dell’allevamento di animali sulla biodiversità, sul consumo di suolo e sull’ambiente. Un cambiamento che porterebbe numerosi altri benefici come la riduzione dello spreco di cibo a livello globale, quella della domanda e la pressione sull’ambiente e il suolo. I vantaggi riguarderebbero anche la salute umana “aiutando a ridurre il rischio di pandemie” spiegano gli autori.

Il secondo aspetto riguarda la tutela delle aree naturali che devono essere isolate e protette.

“Si ottengono vantaggi più grandi in termini di  biodiversità quando preserviamo e ripristiniamo interi ecosistemi. Perciò, abbiamo bisogno di evitare di convertire più terra per usi agricoli. I cambiamenti nei modelli alimentari sono essenziali per preservare gli ecosistemi originari e ripristinare quelli che erano stati distrutti o degradati” prosegue l’analisi.

Terzo, abbiamo bisogno di pratiche agricole più rispettose della natura e a sostegno della biodiversità, limitando l’uso di additivi e sostituendo le monocolture con le policolture.

Occorre dunque inserire la riforma del sistema alimentare in eventi politici di alto livello durante questo “Super Anno per la natura” dell’ONU.

sistema alimentare sostenibile2

© Compassion in World Farming

A rincarare la dfose e chiedere lo stop agli allevamenti intensivi c’è anche Jane Goodall.

Siamo disposti a tutto, tranne a rinunciare alla carne

A conferma di quanto emerso dal nuovo rapporto, un altro recente sondaggio, uno dei più grandi mai effettuati sul tema, ha mostrato che non siamo disposti a cambiare la nostra alimentazione e in particolare a rinunciare al consumo di carne, pur ammettendo la necessità di salvare il pianeta.

Il sondaggio, svolto dall’Unep, ha coinvolto 1,2 milioni di 50 differenti paesi. Se quasi due terzi (64%) delle persone pensa che il cambiamento climatico sia un’emergenza globale, se oltre la metà (59%) ritiene che il mondo debba “fare tutto il necessario e con urgenza” per affrontare la crisi, dall’altra tra le azioni meno scelte vi è quella legata al consumo di carne.

E’ emerso che  la promozione di una dieta a base vegetale non è stata considerata tra le soluzioni da adottare è stata l’opzione meno scelta, con solo il 30% delle persone intervistate che la approverebbe.

Per leggere il report completo, clicca qui

Fonti di riferimento: Unep

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook