Cucciolo di cane salvato da una scimmia

La crisi climatica sta spazzando via miliardi di stelle marine, lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel giro di pochi anni migliaia di stelle marine scompariranno dai nostri mari. Colpa della crisi climatica e del riscaldamento globale che stanno distruggendo il loro habitat

Una stella marina girasole, come quella dell’immagine di copertina, è ormai un pezzo da museo. Questa e moltissime altre specie di stelle marine stanno scomparendo per sempre, condannate a morte dalla crisi climatica. Un nuovo studio condotto dalla Oregon State University evidenzia che migliaia di specie di stelle marine sono estinte o vicine all’estinzione perché l’acqua del mare in cui vivono si sta riscaldando a ritmi troppo veloci perché questi animali possano adattarsi.

Lo studio è stato condotto partendo dalle osservazioni nelle acque a largo della California e del Messico, dove le acque si stanno riscaldando a ritmi sempre più serrati (altre zone del globo, come Alaska e British Columbia, presentano acque ancora fredde, in cui la vita delle stelle marine è ancora possibile). In queste zone l’estinzione di massa è stata documentata sin dal 2013, e già diversi studi precedenti hanno mostrato come l’innalzamento delle temperature delle acque porti alla proliferazione di batteri e virus, una minaccia mortale per le stelle marine.

Le stelle marine sono presenti nel mare in diversi colori brillanti. Le più comuni hanno cinque braccia, ma possono averne anche dieci, venti o addirittura quaranta; mentre siamo abituati a vederle piccole, che stanno nel palmo di una mano, esistono specie più grandi che possono raggiungere il diametro di un metro. La crisi climatica ed il riscaldamento globale stanno minacciando tutta questa biodiversità: nel giro di pochi anni, secondo gli esperti, migliaia di specie che conosciamo non esisteranno più e già si immaginano i danni all’ecosistema a causa della loro assenza.

estinzione stelle marine

Credits: The Royal Society

Il calore dell’acqua attacca le stelle, provocandone lo sbiancamento (un fenomeno simile a quello osservato nei coralli della barriera corallina) e causando lesioni sulla superficie. Queste lesioni iniziano rapidamente a diffondersi su tutto il corpo e molto spesso le stelle perdono delle braccia a causa di questo.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: The Royal Society

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook