@ mcjvil40yahoocom/123rf.com

Avocado e vaniglia potrebbero presto sparire, per colpa dei pesticidi (e non solo). Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio dimostra che agricoltura intensiva e uso dei pesticidi minacciano le più importanti coltivazioni del mondo, considerate cruciali per il futuro della sicurezza alimentare mondiale

Le piante selvatiche (crop wild relatives o CWR) sono piante strettamente imparentate con le normali piante coltivate e rappresentano una essenziale fonte di diversità genetica che può aiutare le colture ad adattarsi all’ambiente che sta mutando per via dei cambiamenti climatici – andando ad incontrare la crescente richiesta di cibo nella popolazione mondiale.

Queste piante sono quindi il nostro biglietto per il futuro, se vogliamo continuare a sfamare la popolazione del mondo e garantire la prosperità del settore agricolo. Purtroppo, però, le forme spontanee di alcune delle colture più importanti del mondo, endemiche dell’America centrale e meridionale sono minacciate dall’estinzione, secondo un nuovo studio.

I ricercatori hanno analizzato 224 specie selvatiche in Messico, Guatemala, El Salvador e Honduras, che sono diventate fondamentali per la nostra alimentazione e la produzione di capi di abbigliamento, e che furono ‘addomesticate’ circa 10.000 anni fa dalle popolazioni degli Aztechi e dei Maya: fra queste, fagioli selvatici, peperoncini, vaniglia, cotone selvatico, avocado e patate. Il 35% delle specie analizzate sono minacciate dall’estinzione, principalmente a causa dell’agricoltura intensiva, del riscaldamento globale, dell’utilizzo dei pesticidi e dell’aumento della salinità del suolo. L’estinzione di queste colture rappresenta una minaccia per la sicurezza alimentare di tutto il mondo, soprattutto ora che la popolazione umana si appresta a raggiungere la cifra record dei 10 miliardi.

L’ambiente sta cambiando troppo velocemente e le colture non hanno il tempo di adattarsi – spiega la dottoressa Barbara Goettsch, autrice dello studio. – La salinità del suolo cambia, le temperature sono sempre più alte; a causa del cambiamento climatico, parassiti e malattie delle piante creeranno massicci squilibri nelle coltivazioni. Presto potremmo avere scarsezza di questi cibi.

Di tutte le specie studiate, almeno 16 sono state utilizzate per creare piante che siano più resilienti ai cambiamenti climatici estremi e ad altre minacce ambientali: esempi di questo sono le patate resistenti alla siccità, granturco che produce un raccolto più florido, zucche in grado di affrontare meglio il freddo.

estinzione delle piante

@ Plants, People, Planet

 

Un esempio di quanto siano già tangibili i danni provocati all’ambiente naturale è rappresentato dalla profonda carestia che sta affliggendo il Madagascar. Il paese si trova in siccità perché non piove da troppo tempo: le colture sono morte a causa della scarsità di acqua e i campi sono secchi e brulli; oltre a questo, le alte temperature hanno favorito la migrazione delle locuste, che con la loro presenza hanno ulteriormente fiaccato la popolazione. Più di un milione di persone nel paese sta soffrendo la fame. Situazioni come questa potrebbero diventare sempre più frequenti nel prossimo futuro. Ecco perché è così importante preservare queste piante antiche ed il loro patrimonio di diversità genetica.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Plants, People, Planet

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook