Se vedete questo insetto, non uccidetelo! Il cervo volante è innocuo, utile e minacciato di estinzione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Molte persone danno per scontato che gli insetti possano essere pericolosi o dannosi e, quando li incontrano in giardino o nell’orto cercano rimedi per allontanarli o ucciderli, soprattutto se hanno un aspetto minaccioso, come nel caso del cervo volante.

Il cervo volante (Lucanus cervus) però non rappresenta un pericolo, anzi, è un insetto utile e innocuo, nonostante le sembianze spaventose.

I cervi volanti sono inseriti nell’elenco rosso IUCN delle specie minacciate.

Si tratta del più grande coleottero presente in Europa: gli esemplari adulti di cervo volante compaiono durante i mesi estivi, dopo aver concluso il lungo stadio larvale, e si possono incontrare nei boschi di latifoglie o negli ambienti urbani, lungo i viali alberati e nei parchi.

Sono diffusi sia in pianura sia in collina, fino a 1000 metri, e sono facilmente riconoscibili grazie al caratteristico volo rumoroso, lento e goffo, nonché per l’aspetto.

Rispetto alle femmine, più piccole e con mandibole maggiormente ridotte, i maschi di cervo volante possono superare gli 8 centimetri di lunghezza e sono dotati di mandibole particolarmente sviluppate grazie alle quali possono duellare con i rivali maschi della stessa specie.

Il nome volgare dell’insetto è dovuto proprio alle grandi mandibole dentate dei maschi, che ricordano le corna dei cervi.

Sebbene possano sembrare pericolosi, questi insetti sono innocui per l’uomo e molto utili per l’ambiente. Le larve di cervo volante, infatti, si nutrono di legno in decomposizione contribuendo alla produzione di humus ricco di sostanze nutritive. Da adulti invece, i cervi volanti si nutrono solamente di sostanze zuccherine come la linfa degli alberi e la frutta matura.

A causa della distruzione dell’habitat boschivo i cervi volanti risultano in diminuzione e rientrano nelle specie quasi minacciate.

Senza il prezioso contributo dei cervi volanti, il ciclo biologico del bosco sarebbe sensibilmente compromesso e per questo è importante tutelare il legno morto all’interno dei boschi e non ricorrere a misure drastiche se si incontra un esemplare di questa specie.

Se la sua presenza dovesse proprio infastidirvi è sufficiente allontanare il cervo volante, magari spostandolo in un prato.

https://www.facebook.com/groups/ogginelvaresotto/permalink/2226082520857551/

Fonti di riferimento: Regione Emilia Romagna/Diversità forestale/IUCN

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook