Casuario: l’uccello più pericoloso del mondo (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Qual è l’uccello più pericoloso del mondo? La risposta è il casuario, un animale in via di estinzione che abita nelle zone più fitte delle foreste pluviali della costa nord-orientale dell’Australia. È il terzo uccello più grande al mondo, dopo lo struzzo e l’emù, a cui è strettamente imparentato.

La sua caratteristica più vistosa è certamente l'”elmetto” che presenta sulla testa, che indica l’età e la posizione dominante, ed è usato anche per farsi strada tra la fitta vegetazione. La creatura misteriosa e antica, che sembra uscita fuori da ‘Jurassic Park’, sopravvivere ormai a stento in natura: la popolazione è stimata in appena 1500 esemplari. Anche per questo in tutto il suo habitat sono stati posizionati cartelli e avvisi per gli automobilisti che informano della sua presenza e invitano a fare attenzione.

Molte femmine non condividono lo stesso piumaggio dai colori vivaci del maschio, ma sono è più forti e più grandi. Durante la cerimonia di accoppiamento è il maschio ad avere un ruolo passivo. In una lotta tra tre individui, il partner finale sarà quello che alleverà i piccoli.

Dopo un mese di corteggiamento, infatti, la femmina depone le uova e sparisce dalla scena. Spetterà al maschio covare e prendersi cura dei figli. Durante i 50 giorni di cova perderà fino a circa un terzo del suo peso corporeo, impossibilitato ad allontanarsi per la ricerca del cibo.

Ma perché questi uccelli sono pericolosi? Non dipende di certo da quello che mangiano, visto che si nutrono di frutti, semi e piccoli animali. Ma possono arrivare a una velocità fino a 50 km e, se sentono di essere in pericolo, possono mutilare o uccidere.

Le grosse zampe, infatti, sono dotate di uno sperone da 5 cm simile a quello dei galli, che usano per difendersi tirando calci. Per questo il Guinness World Record, mette il casuario in cima alla lista degli uccelli pericolosi, dimenticandosi che il vero pericolo per la sua sopravvivenza viene proprio dall’uomo.

Roberta Ragni

Fonte e foto credit

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook