Scoperta in Calabria una delle querce più vecchie del mondo, ha ‘appena’ 560 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nella faggeta vetusta di Valle Infernale, nel Parco nazionale dell’Aspromonte, in Calabria, giace una quercia di ben 560 anni, classificata come tra le più vecchie esistenti al mondo. Un meraviglioso esemplare di albero monumentale e un preziosissimo elemento di biodiversità.

Se quelle più antiche d’Europa si trovano in Inghilterra, anche da noi in Italia possiamo ora vantarci di avere una delle più maestose mai viste.

La scoperta è frutto di una ricerca condotta congiuntamente dall’Ente Parco, dai Carabinieri forestali e dall’Università della Tuscia volta all’ampliamento del sito Unesco “Ancient and Primeval Beech Forests of the Carpathians and Other Regions of Europe”, che tutela aree forestali europee strategiche per la conservazione di questo patrimonio mondiale.

Il gruppo di studio, coordinato da Gianluca Piovesan, professore ordinario di Scienze forestali all’Università della Tuscia, ha rinvenuto alcune roveri monumentali nella faggeta vetusta di Valle Infernale e, nel corso delle indagini, una di queste querce, di quasi due metri di diametro, ha rivelato un’età di oltre 560 anni.

Secondo gli esperti, oggi la foresta demaniale dell’Alto Aspromonte rappresenta un caso di studio di eccellenza nella conservazione della natura, tanto che questo esempio sarà divulgato nell’ambito del progetto Italian Mountain Lab.

Questa ulteriore scoperta certifica l’elevato livello di biodiversità esistente nel Parco dell’Aspromonte ed aggiunge, al nostro patrimonio naturalistico, un nuovo e prestigioso elemento di caratterizzazione scientifica. Questa notizia di valenza internazionale deve ulteriormente spronarci a proseguire nelle attività di tutela e salvaguardia dell’Area Protetta, programmando percorsi di valorizzazione territoriale che inglobino le peculiarità naturalistica, storica, culturale, grazie a cui il Parco dell’Aspromonte può offrire agli appassionati, agli studiosi ed anche ai turisti visita di qualità”, spiega il Vice Presidente del Parco, Domenico Creazzo.

Sempre in Calabria, ma sul versante del Parco del Pollino, è di appena l’anno scorso la notizia della scoperta di Italus, un pino loricato di 1230 anni, l’albero più vecchio d’Europa datato con metodo scientifico, che si trova a quota  1.900 metri sul livello del mare.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook