Quell’enorme buco nel cuore del ghiaccio dell’Antartide

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un enorme foro nel cuore dell’Antartide grande quanto il Portogallo. Un buco misterioso e massiccio è stato recentemente osservato nella copertura del ghiaccio marino.

Si tratta in realtà di una vecchia conoscenza, le cui prime osservazioni risalgono agli anni ’70. La cosiddetta polynya è un’area che si forma quando le correnti più calde risalgono in superficie fino a sciogliere il ghiaccio marino impedendo anche la formazione di nuovo ghiaccio. Si tratta di un’area di mare navigabile presente non solo al Polo Sud ma anche al Polo Nord.

È la più grande finora osservata nel mare di Weddell, una parte dell’Oceano Atlantico situata a ridosso del continente antartico. Nel punto più largo ha una superficie di circa 80.000 km2. Per 40 anni questa polynya non si era più formata ma è il secondo anno consecutivo in cui viene avvistato questo enorme foro, anche se lo scorso anno non era altrettanto esteso.

Gli scienziati dell’Università di Toronto stanno studiando il fenomeno e hanno spiegato che senza l’effetto isolante della copertura del ghiaccio marino, la polynya permette all’atmosfera e all’oceano di scambiare calore e umidità con impatti significativi sul clima. Il prof. Kent Moore dell’Università di Toronto sta collaborando con i membri del Southern Ocean Carbon and Climate Observations and Modeling (SOCCOM) per indagare su queste formazioni e sui loro impatti sul clima.

A causa della rigidità dell’inverno antartico e delle difficoltà di operare all’interno del ghiaccio, non esistono molte osservazioni dirette delle polynye e dei loro impatti sulla circolazione atmosferica e oceanica. Ma nell’ambito del progetto SOCCOM, sono stati utilizzati dei sistemi robotici in grado di operare sotto il ghiaccio marino.

Il mese scorso, uno di questi è emerso all’interno della polynya, nel mare di Weddell, contattando i ricercatori e fornendo la conferma ufficiale della sua esistenza. Con queste nuove misure, insieme a osservazioni spaziali e modelli climatici, sono stati forniti dati nuovi sia sulle origini che sugli effetti.

foto antartide

Foto

“Una volta che il ghiaccio marino si scioglie, c’è questo enorme contrasto di temperatura tra l’oceano e l’atmosfera” ha spiegato Moore. “Le acque più fredde vanno giù nella parte inferiore dell’oceano, mentre l’acqua più calda viene in superficie e ciò può mantenere la polynya aperta una volta nata”.

LEGGI anche:

Nonostante la grande mole di dati finalmente a disposizione dei ricercatori, rimangono ancora due grandi dubbi. Quante volte si verifica questo fenomeno? È in qualche modo legato ai cambiamenti climatici?

Francesca Mancuso

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook