La rinascita dopo il coronavirus: a Firenze il bosco dove ogni nuovo albero ricorda una vittima, con una commovente dedica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un simbolo di rinascita, un modo per ricordare nei decenni le persone a noi care. A Firenze nasce un piccolo bosco nel quale ogni nuovo albero sarà dedicato ad una vittima del Covid- 19.

Un progetto che oggi vede la messa a dimora dei primi 36 esemplari, accompagnati da pensieri spesso molto commoventi, espressi da chi ha voluto ricordare o omaggiare un proprio caro dedicandogli un albero in uno dei 5 giardino della città.

Lecci, platani, ciliegi, ma anche salici bianchi, carpini, sorbi, tigli e farnie. È la prima tranche di piantagioni del progetto ‘Dona un albero’, lanciato dall’assessorato all’Ambiente in occasione della Festa dell’albero, ricevendo da subito un boom di richieste e prenotazioni da parte dei cittadini. Ad oggi sono 584 gli alberi donati dal momento del lancio il 26 novembre scorso, su un totale di 863 alberi adottabili.

A causa della pandemia, è stato possibile solo adesso dare il via alle piantagioni: i restanti alberi donati (oltre 500) saranno piantati entro fine novembre. Alla messa a dimora dei primi 36 erano presenti oggi, tra gli altri, il sindaco Dario Nardella, l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re e i presidenti dei cinque Quartieri.

“Se la pandemia ci ha insegnato qualcosa – ha detto il sindaco Nardella -, è principalmente che la questione ambientale è centrale. L’idea di una Firenze più verde, già al centro del programma di mandato, lo diventa oggi ancora di più. Andiamo avanti quindi con convinzione nella realizzazione di interventi di sviluppo urbano sostenibile, come i progetti di ‘forestazione urbana’ e la messa a dimora di 20mila nuove alberature entro la fine del mandato per migliorare la qualità di vita dei cittadini. Il progetto ‘Dona un albero’ va in questa direzione coinvolgendo direttamente i cittadini nel percorso verso una Firenze più verde”.

Fonte: Comune di Firenze

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook