Blob: l’incredibile creatura che si nutre, impara e guarisce se stessa pur non avendo un cervello

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La natura è sempre sorprendente e trova il modo di stupirci ogni giorno, grazie alla sua grande creatività.

Sapevate ad esempio dell’esistenza di una creatura capace di pensare, imparare e trasmettere le sue conoscenze pur non avendo un cervello?

Si tratta del Physarum polycephalum, un essere unicellulare dal colore giallo brillante che popola il nostro pianeta da un miliardo di anni e che a 40 anni dalla sua scoperta da parte dell’uomo rappresenta ancora un enigma per gli scienziati.

I ricercatori non sono ancora riusciti a classificare questa creatura, che hanno soprannominato blob, e non sanno se si tratti di un animale, di una pianta o di un fungo.

“Il blob è un essere vivente che appartiene a uno dei misteri della natura”, ha dichiarato Bruno David, direttore del Museo di Storia Naturale di Parigi.

Un essere davvero particolare, capace con una sola cellula di fare moltissime cose che tanti di noi non riescono a compiere pur avendone miliardi.

Innanzitutto il blob non ha due soli sessi, ma ben settecentoventi. Inoltre, pur non avendo gambe, ali o pinne, riesce a muoversi a una velocità di un centimetro all’ora, che possono diventare quattro quando blob si mette a correre.
Blob è capace di procurarsi del cibo e digerirlo, nonostante non abbia occhi, bocca e stomaco.

Se viene ferito o addirittura tagliato a metà, blob è in grado di mettere in atto un processi di autoguarigione che lo rimettono in sesto nel giro di due minuti e, se decide di farlo, può anche fondere nuovamente le parti divise.

Si tratta di un essere vivente quasi immortale, che teme solo la luce e la siccità e che in condizioni avverse può entrare in una sorta di letargo da cui può svegliarsi quando l’ambiente esterno gli offre una situazione favorevole.

blob

E non è finita qui: blob sembra essere dotato di una straordinaria intelligenza pur non avendo un cervello.
Questa incredibile creatura riesce infatti a risolvere problemi complessi, come trovare la via più breve tra 60mila opzioni per poter uscire da un labirinto.

Sebbene non abbia neuroni, blob è in grado di imparare, di anticipare un cambiamento ambientale e di comunicare, condividendo le proprie conoscenze ad altri blob. Studiare questo essere potrebbe aprire la strada a una migliore comprensione dell’intelligenza e dei meccanismi che regolano il pensiero, la memoria e l’apprendimento.

La straordinaria creatura sarà presentata proprio oggi al Parco zoologico di Parigi, che ha dedicato un’intera mostra al misterioso blob.

Nel video di presentazione diffuso dal Parco francese, possiamo ammirare lo strano blob in azione mentre si muove, cresce e si nutre.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit: Parco zoologico di Parigi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook