Banane a rischio estinzione per colpa di un fungo. Ecco perché

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Banane a rischio fungo. In particolare la varietà Cavendish, che copre la quasi totalità delle esportazioni mondiali, sta vedendo in pericolo le sue radici e i frutti, tanto da rischiare l’estinzione.

Ad allarmare è una grave malattia fungina denominata Tropical Race (TR4), che in Asia e in Australia avrebbe già fatto andare in fumo il 30% delle coltivazioni, cominciandosi a propagare ora anche in Africa e in Mediorente. Se il fungo dovesse raggiungere i Caraibi e l’America Latina, dove sono raccolte ed esportate l’85% delle banane del mondo, potrebbe verificarsi un problema non da poco.

Si tratta, in pratica, di una malattia causata da un fungo – il Fusarium oxysporium – che è in grado di attecchire alle radici, cominciando a prendere piede nel suolo per poi salire verso le foglie e soprattutto verso i caschi di frutti.

Le banane a rischio

Per ora non tutte le banane sono a rischio, ma solo la varietà che noi tra l’altro meglio conosciamo, la Cavendish, che pesa tra i 90 e i 200 grammi, è senza semi ed è leggermente arcuata e si presenta spontanea in caschi attaccata ai quali da verde diventa gialla. Il fatto che la Cavendish sia una varietà senza semi pare essere il problema: se una pianta non ha semi, non si riproduce da sola, ma ha bisogno di essere coltivata e prodotta artificialmente dall’uomo.

Dunque, le banane che ci piacciono tanto sono in realtà degli ibridi e per questo i banani sono ancora più deboli e vulnerabili di fronte all’attacco di un fungo terragno, tanto che già in ottobre la Fao annunciò un progetto da 98 milioni di dollari per la ricerca e lo sviluppo di nuovi tipi di banana e per la lotta al fungo malefico.

La ricerca e l’innesto

Gli scienziati allora non si sono dati per vinti e finora hanno tentato una serie infinita di innesti tra la Cavendish e altri tipi di banane. Finora non si è prodotto nulla di buono, se non un incrocio nato a Taiwan chiamato Gctcv-219, dimostratosi resistente al fungo e attualmente coltivato nelle Filippine e esportato in Giappone.

Pare non sia un risultato estremamente incoraggiante, soprattutto perché la Gctcv sarebbe molto più dolce della progenitrice e dritta da non sembrare più una banana. Insomma, qualcosa di simile alla banana, ma che banana non è.

Leggi anche:

Considerando anche i costi di trasporto e il prezzo che costa all’ambiente l’esportazione di questi frutti tropicali, non è meglio dire addio alla quasi estinta banana?

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook