Balenottera spiaggiata a Rosignano (Li): continua la strage di cetacei nel Tirreno:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una balenottera comune di oltre 17 metri di lunghezza e circa 2,5 tonnellate di peso si è spiaggiata nel primo pomeriggio di ieri in una piccola ansa del litorale di Rosignano, un provincia di Livorno. Lo rivela una nota dell’Arpat Toscana, che svela anche come, in realtà, già il 17 marzo l’esemplare era stato avvistato lungo le coste di San Vincenzo, prima che il mare in tempesta rendesse definitivamente la carcassa.

Il ritrovamento giunge a distanza ravvicinata con la morte di decine e decine di delfini per cause ancora non stabilite, proprio nel Santuario che dovrebbe proteggerli. Sono almeno 85 fino a oggi le carcasse rinvenute sulle coste e, tra gli ambientalisti, c’è chi parla di possibili esperimenti militari o di pericolose ricerche condotte dalle compagnie petrolifere. Per il Ministero dell’Ambiente è molto più probabile, invece, che si tratti di infezioni batteriche e virali. Ma c’è un collegamento tra la morte di questi cetacei?

Per ora di certo non è dato saperlo. Fatto sta che tra bidoni tossici, navi dei veleni, naufragi di imbarcazioni da crociera, arsenico e mercurio provenienti da note industrie chimiche della zona, l’inquinamento di uno dei tratti di mare più importanti per la biodiversità sta mettendo a dura prova madre natura. Tornando alla sfortunata balenottera, la squadra di veterinari dell’Università di Padova, su incarico Ministeriale, è già in viaggio per raggiungere entro oggi la spiaggia di Rosignano ed eseguire un prelievo di tessuto idoneo, per poi procedere alle analisi di routine, compresa la necroscopia dell’animale.

L’Osservatorio Toscano dei Cetacei della Regione Toscana ha, infatti, informato prontamente il Ministero dell’Ambiente e del Mare in ottemperanza a quella che è la rete di recupero nazionale e ARPAT, a supporto dell’OTC, sta coordinando l’intervento di recupero, collaborando con la Guardia Costiera e l’Assessore del Comune di Rosignano al fine di valutare il da farsi. Sono previste anche altri tipi di analisi da parte dell’Università di Siena e dell’Istituto Zooprofilattico di Pisa.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Moria di delfini nel Tirreno: cosa sta accadendo?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook