Balena di 9 metri spiaggiata a New York. Si pensa all’eutanasia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una balena a New York. Per lei non ci sarebbe più nulla da fare. Sembra privo di speranza il destino dell’enorme balena di circa 9 metri di lunghezza che si è arenata su una spiaggia della Grande Mela ed è stata scoperta ieri mattina da un passante. Nonostante gli sforzi delle autorità e dei volontari che la stanno soccorrendo, irrorandola d’acqua per non farla disidratare, bisogna abbreviare le sofferenze dell’animale. E il National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) pensa all’eutanasia.

I biologi hanno seguito con attenzione e apprensione lo stato di questo individuo maschio di balenottera comune, la seconda specie animale più grande del mondo dopo le balenottere azzurre. Ma lo sfortunato mammifero marino è troppo “emaciato e in cattive condizioni fisiche, quindi non c’è niente che si possa fare per salvarlo“, ha detto lapidaria alla Cnn Allison McHale, portavoce del Noaa, sperando che “la natura faccia il suo corso” e che la morte arrivi spontaneamente durante la notte. Se ciò non dovesse avvenire, giovedi mattina il Noaa provvederà all’eutanasia.

balena spiaggiata 2

Abbiamo pensato che fosse morta quando siamo arrivati, ma poi ha cominciato a muoversi“, racconta Nick Ecock del Point Breeze Volunteer Fire Department, che insieme ad altri vigili del fuoco ha scoperto l’animale spiaggiato alle ore 11 nei pressi Beach 216th Street e Palmer Place, sul lato nord del quartiere Breezy Point, ancora scosso dai danni dell’uragano Sandy. La balena è stata trovata per metà in acqua e metà nella sabbia. Era viva, ma ferita. “La stiamo mantenendo bagnata per idratarla e farla respirare“, spiega James Duffy del New York Police Department.

balena spiaggiata

Le cause dello spiaggiamento potrebbe essere naturali, come vecchiaia o malattia, ma anche, e soprattutto, umane, come un urto contro una nave o con le reti da pesca. Secondo gli esperti difficilmente l’animale riuscirà a tornare in mare aperto: è bloccato in acque profonde al massimo cinque metri. I soccorritori non hanno accesso diretto al suo corpo e l’arrivo dell’alta marea di poche ore fa l’ha nascosta alla vista. Potrebbe essere ancora lì o essere riuscita a tornare nell’oceano.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Il cetaceo più raro del mondo creduto estinto e spiaggiato in Nuova Zelanda

Avvistato in Norvegia rarissimo esemplare di Balena Bianca (video)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook