Anche sulle Alpi europee il ghiaccio si sta tingendo di rosso porpora (e non è una buona notizia)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Neve e ghiaccio delle Alpi colorati di rosso porpora. Così come è accaduto in Groenlandia, anche i ghiacciai alpini sono minacciati da un’alga microscopica che ne cambia il colore e ne accelera lo scioglimento.

È quanto appreso per la prima volta dai ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca, che pubblicano i risultati sulla rivista Scientific Reports.

Tra le diverse specie di alghe identificate nei campioni analizzati, gli studiosi hanno trovato una notevole abbondanza di Ancylonema nordenskioeldii, una specie che non era mai stata precedentemente documentata nelle Alpi e che piuttosto domina le fioriture di alghe sulla calotta glaciale della Groenlandia.

In Groenlandia la presenza di alghe sulla calotta polare induce l’oscurimento di un’ampia porzione di ghiaccio (circa 100.000 chilometri quadrati) nota come ‘dark zone’, amplificando la fusione estiva del ghiaccio – spiega il primo autore dello studio, Biagio Di Mauro. Nelle Alpi europee questo fenomeno non era mai stato identificato quantitativamente. Il nostro studio per la prima volta ha mostrato che il processo di bio-albedo feedback può avvenire anche alle nostre latitudini. In particolare, i campioni raccolti al ghiacciaio del Morteratsch (Engadina, Svizzera) hanno permesso di sequenziare il Dna degli organismi presenti sulla superficie del ghiacciaio e studiarli al microscopio. I risultati hanno evidenziato la presenza di colonie della specie Ancylonema nordenskioeldii, nota per la sua abbondanza nella dark zone in Groenlandia”.

Com’è resa possibile la colorazione?

La colorazione è un fenomeno naturale dovuto appunto alle alghe della specie Ancylonema nordenskioeldii, che riescono a vivere nelle condizioni estreme della superficie del ghiacciaio. In estate, sfruttano l’acqua di fusione presente sulla superficie per moltiplicarsi e diffondersi. Più è caldo, maggiore è la disponibilità di acqua sul ghiacciaio e più prosperano. Il loro colore viola è dovuto ai pigmenti usati nella fotosintesi e la loro presenza, tuttavia, ha la conseguenza di rendere il ghiaccio più scuro, quindi assorbe più calore e favorisce lo scioglimento.

alga rossa alpi

©Researchgate

alga rossa alpi

©Researchgate

La presenza dell’alga rossa, in sostanza, dà alla neve un albedo più basso e la fa sciogliere più rapidamente. E non solo: più la neve e i ghiacciai si sciolgono, a parere degli esperti, più la presenza dell’alga aumenta in un effetto a catena e un impatto negativo sul clima da non sottovalutare.

QUI trovate lo studio completo.

Fonte: Scientific Reports / Unimib

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook