Le Filippine approvano la legge che richiede agli studenti di piantare 10 alberi se vogliono laurearsi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli studenti delle Filippine dovranno piantare 10 alberi dalle elementari alla laurea

Ogni studente, dalle elementari fino all’università, dovrà piantare 10 alberi entro il diploma o la laurea. Succede nelle Filippine dove è stata appena approvata una legge che formalizza una tradizione già esistente, istituendo quest’obbligo nelle scuole e negli atenei di tutto il paese.

Secondo i fautori della legge, la norma potrebbe portare alla piantumazione di 525 miliardi di alberi in una generazione.

La Camera dei Rappresentanti ha approvato in terza e ultima lettura una proposta di legge che impone a tutti gli studenti delle scuole elementari, superiori e università di piantare almeno 10 alberi ciascuno prima di potersi laureare.

Il rappresentante del Partito Magdalo delle Filippine, Gary Alejano, primo firmatario della legge, ha spiegato:

“Con oltre 12 milioni di studenti delle elementari, quasi 5  milioni di studenti che si diplomano e quasi 500.000 che si laureano ogni anno, questa iniziativa, se attuata correttamente, garantirà che almeno 175 milioni di nuovi alberi vengano piantati ogni anno.

Nella peggiore delle ipotesi, considerando un tasso di sopravvivenza delle piante del 10%, si parla comunque di numeri elevati: ben 525 milioni di nuovi alberi in una generazione.

Gli alberi saranno piantati nelle foreste esistenti, in alcune aree protette, in campi militari, in siti minerari abbandonati e in aree urbane selezionate. Le specie selezionate saranno scelte in base a località, clima e topografia dell’area e che ci sarà anche una preferenza per quelle indigene.

Oltre all’impatto immediato degli alberi che assorbono la CO2, la legge punta a sensibilizzare i ragazzi sull’importanza della presenza di alberi e sulla lotta alla deforestazione. Le Filippine infatti sono uno dei paesi più gravemente deforestati del mondo con una copertura forestale totale scesa dal 70% al 20% nel XX secolo. Il disboscamento illegale è una vera e propria piaga nel paese e la mancanza di alberi in alcune aree ha reso ancora più grave il rischio di inondazioni e frane.

Una bellissima iniziativa che coinvolge i giovani e che regala ossigeno e bellezza.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook