Cucciolo di cane salvato da una scimmia

“Adotta un castagno”: la campagna per salvare il secolare castagneto della duchessa Matilde

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Consorzio forestale Terre Medio Appennino reggiano ha lanciato via Facebook la campagna “Adotta un Castagno” per salvare oltre 400 alberi secolari che vivono nell’antico castagneto di Marola

Marola, frazione del comune di Carpineti in provincia di Reggio Emilia, è famosa ancora oggi per il suo millenario castagneto. Fu la contessa Matilde di Canossa a disporne la creazione, attorno all’anno 1000, allo scopo di sfamare la popolazione locale con il cosiddetto ‘albero del pane’ (l’America non era stata ancora scoperta e la patata – il cibo dei poveri per eccellenza – non aveva ancora fatto ingresso in Europa). Dopo l’istituzione, il bosco di castagne fu preso in gestione dai monaci benedettini, che lo resero florido e vi introdussero 14 specie diverse di castagne e marroni: gli alberi venivano piantati a distanza di circa 12 metri l’uno dall’altro (secondo un criterio detto sesto matildico) e fra di essi le greggi pascolavano.

Purtroppo però questo splendido bosco, che ha resistito al passare dei secoli e delle generazioni, rischia di scomparire a causa soprattutto di un piccolo insetto (il Dryocosmus kuriphilus) che sta infettando e uccidendo tutti gli alberi. Servono risorse economiche per prendersi cura dei castagni e salvare il bosco. Ecco perché il Consorzio forestale Terre Medio Appennino reggiano (nato nel 2018) ha lanciato una campagna social per invitare i semplici cittadini a prendersi cura di uno sei simboli dell’appennino reggio-emiliano e per non far sparire un pezzo importante di storia locale.

L’iniziativa si chiama “Adotta un castagno”: fino al 25 settembre prossimo, chiunque potrà contribuire alla riqualificazione del Castagneto di Marola adottando simbolicamente un albero, attraverso un contributo economico di 250 euro. Per maggiori informazioni si può scrivere una all’indirizzo: terreappennino@gmail.com

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Consorzio forestale Terre Medio Appennino Reggiano

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook