caffe-cambiamenti-climatici

I cambiamenti del clima rischiano di distruggere la pianta del caffè arabica, una delle varietà più buone e diffuse al mondo.

A rivelarlo è uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori dei giardini botanici reali di Kew, in Gran Bretagna, in collaborazione con ricercatori etiopici, e pubblicato sulla rivista Plos One, dove si legge che entro i prossimi 70 anni assisteremo ad una riduzione compresa tra il 65 e il 99,7% dell'arbusto selvatico di Arabica.

Secondo gli studiosi, salvo inversioni di tendenza, i cambiamenti climatici potrebbero avere effetti nefasti e irreversibili sulla vita e la riproduzione delle piante da cui si ottiene la preziosa miscela arabica di caffè, che potrebbe scomparire definitivamente entro il 2080.

L'analisi – che ha monitorato e confrontato dati storici e modelli climatici sulla distribuzione territoriale di questo prezioso arbusto – ha rivelato la difficoltà di questa pianta a resistere ai cambiamenti del clima; in pratica questi arbusti non evidenziano una variabilità genetica in grado di fronteggiare i cambiamenti del clima, né di combattere nuovi parassiti o malattie.

Secondo quanto riportato dai ricercatori, le differenti tipologie di caffè Arabica usate per la produzione dei chicchi sono tutte indissolubilmente legate al destino e alla salute della pianta selvatica. Ciò vuol dire che l'estinzione di questo arbusto provocherebbe non solo una catastrofe naturale, ma anche economica, visto che il caffè arabica è una delle varietà più redditizie: la bevanda più consumata al mondo dopo l'acqua e la seconda merce più scambiata dopo il greggio.

caffe cambiamenti climatici

Per capire la diffusione di questa varietà basta guardare i numeri di casa nostra: solo in Italia i chicchi di caffè di Arabica rappresentano il 52% delle importazioni totali di caffè.

Ma non è tutto, perché queste stime – secondo quanto riferito dagli stessi ricercatori – sono perfino ottimistiche, perché non considerano il processo di deforestazione radicale che ha colpito in questi anni l'Etiopia e il Sud Sudan, dove questa pianta è maggiormente diffusa. D'altro canto, ci potrebbero essere delle possibilità per intervenire tecnicamente nella tutela e nella conservazione di queste specie.

"L'estinzione di caffè Arabica è una prospettiva sorprendente e preoccupante hanno fatto sapere gli scienziati - tuttavia, l'obiettivo dello studio non era quello di lanciare sterili allarmismi. Lo scenario è certamente preoccupante ma deve essere visto più come un punto di partenza, da cui valutare appieno quali azioni sono necessarie".

Non resta che capire come tutelare queste piante.

Verdiana Amorosi

Leggi anche:

8 alimenti a rischio di scomparsa a causa dei cambiamenti climatici

La salute in una tazza di caffè: 3 pro e 3 contro

20 usi alternativi per il caffe'

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram