caccia-preapertura

Ci risiamo. Ancora una volta la vita e la riproduzione degli uccelli nel nostro Paese viene messa a dura prova a causa della caccia, che diventa ogni anno più pericolosa e sregolata. La stagione venatoria infatti si apre ufficialmente il 18 settembre (per terminare il 30 gennaio), ma 15 regioni italiane hanno dato l’autorizzazione alla pre-apertura, fissata per il 1 settembre, in attesa della stagione ufficiale.

Una decisione che rischia di compromettere diverse famiglie di uccelli che hanno nidificato da poco; tra queste 12 specie di uccelli e 5 di mammiferi, come ha spiegato Fulvio Mamone Capria, presidente LIPU-BirdLife Italia:
Sparare a inizio settembre – ha detto Mamone Capria – vuol dire colpire popolazioni di animali che hanno appena terminato di nidificare, perché gli uccelli migratori provenienti dal Nord Europa arriveranno solo a fine settembre. Un grave rischio, dunque, per la tutela di popolazioni che si trovano in un delicato momento del loro ciclo riproduttivo”.


Ma c’è di più, perché anche tra le specie che normalmente si possono cacciare ce ne sono alcune che nel mese di settembre si trovano in un momento particolare del loro ciclo di vita.

Si tratta di specie – ha continuato Mamone Capria - che dunque andavano escluse dalla lista delle cacciabili, nel rispetto delle normative europee e dei dati scientifici in nostro possesso. Chiediamo che vengano rafforzati i controlli di polizia venatoria da parte delle Province, del Corpo Forestale dello Stato e delle altre forze di Pubblica sicurezza, perché durante le proprio durante pre-aperture vengono abbattute tantissime altre specie, anche protette. Testimonianza diretta saranno le centinaia di animali feriti da arma da fuoco che giungeranno ai nostri centri di Recupero. Sarà l’ennesima strage di animali autorizzata”.

Ad evidenziare l’assurdità dell’apertura anticipata della stagione della caccia è intervenuta anche l'ENPA:
Le aperture anticipate della caccia, adottate dalla maggior parte delle Regioni e che regalano ai cacciatori la possibilità di impugnare le doppiette già dai primi giorni di settembre restano pratiche dannose che vorremmo fossero archiviate in nome della biodiversità, del rispetto delle normative nazionali e delle direttive europee.
La decisione di anticipare l’apertura della stagione venatoria
– ha continuato l’ENPA - è dannosa “non solo per la tutela degli animali e per il rispetto delle normative vigenti: aprire la caccia nel mese di settembre significa anche mettere a rischio la vita dei turisti, che, sempre più numerosi in questo periodo dell’anno, frequentano le nostre campagne e si avvicinano alla natura. Essere accolti dal rumore degli spari, con il rischio di rimanerne vittima, non rappresenta certo un buon biglietto da visita per le nostre Regioni”.

Dello stesso tono la contestazione che arriva dal WWF nel commentare la decisione dello Stop alla Preapertura deciso per la Campania il Tribunale amministrativo: “L’assenza del Piano faunistico, ossia di un quadro di riferimento certo, scientificamente attendibile – ha fatto sapere Raniero Maggini, Vicepresidente del WWF Italia - ha posto in evidenza l’illegittimità di una prassi come la preapertura: nonostante che la caccia ai primi di settembre sia dannosissima e per questo non conforme ai dettami scientifici e normativi dell’Unione Europea, ogni anno molte Regioni la ripropongono per soddisfare le richieste del mondo venatorio, tuttavia consapevoli di approvare atti discutibili e quindi passibili di annullamento dal giudice amministrativo, come è avvenuto oggi per la Campania.” “Ricordiamo – ha concluso Maggini - a tutti i cacciatori campani che, se andranno a caccia dal primo al 15 settembre, il periodo che il Tar Campania mha ritenuto non legale, saranno ritenuti bracconieri a tutti gli effetti, perseguibili quindi dal giudice penale.”

Fanno eccezione alla pre-apertura oltre alla Campania, le regioni del Trentino Alto Adige, Piemonte, Liguria e Molise.

Verdiana Amorosi

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram