farfalle_monarca

Deforestazione, disboscamento indisciplinato, ma anche agricoltura intensiva, inquinamento e cambiamenti climatici: sono queste le cause fondamentali dell’estinzione – sempre più accentuata in tutto il mondo - di molte specie di farfalle.

Alcune di queste, come la famiglia delle Monarca, è oggi in serio pericolo per le molte colture intensive sparse negli Stati Uniti e ogni anno le monarca che migrano sono sempre meno numerose. “Anche se lo sciame del 2011 era più nutrito di quello dell'anno scorso, - ha detto Enzo Moretto al New York Times, direttore dell'insettario vivente di Padova Esapolis 1 e fondatore di Butterfly Arc 2, la prima casa per lepidotteri creata al mondo, nel 1988 - siamo sempre a livelli di record negativi".

Ma anche in Europa la situazione non è delle più allegre: il 30% delle specie di farfalle del vecchio continente è in declino; in particolare, l'8,5% sono considerate minacciate, lo 0,7% sono decisamente in pericolo, il 2,8% in chiaro pericolo e il 5% vulnerabili. Tra tutte, la specie Aricia hyacinthus, è ormai estinta a livello regionale, il tipo Tomares nogelii è scomparso dalla Romania e Moldova prima del 1999, e la cavolaia di Madera (Pieris wollastoni), relegata nell'isola di Madera in Portogallo, non è più segnalata dal 1970.

Aricia

Vista l’importanza delle farfalle per l’ecosistema, il fenomeno dovrebbe preoccupare: un elenco delle specie universalmente più a rischio – la cosiddetta “lista rossa” - è stato stilato dalla IUCN (International Union for Conservation of Nature) e dalla CITES (Convention on International Trade of the Endangered Species).

Alcuni Paesi, come la Nuova Guinea, hanno capito già da diversi anni l’importanza delle farfalle e così hanno iniziato ad allevarle per scopi commerciali, convinti che questo fosse l’unico modo per proteggerle dall’estinzione; da qui è nato il progetto "Kill the butterflies to save the butterflies", che ha attecchito anche in Italia, grazie ad uno spin off dell'Università di Bologna, che mira a riportare le farfalle in città. Il progetto italiano si chiama Eugea (Ecologia Urbana Giardini E Ambiente) e promuove la creazione di microhabitat per i lepidotteri da coltivare nei piccoli angoli verdi dei privati cittadini.

Un modo green, semplice e simpatico per favorire la conservazione delle farfalle e far crescere spazi verdi animati da insetti utili all’ecosistema.

Verdiana Amorosi

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram