Balena spiaggiata: restituita la carcassa al mare per dar vita a un nuovo microsistema

balena spiaggiata

Finalmente ce l’ha fatta. La – che il 26 gennaio scorso si era fermata sulle spiagge pisane nel Parco di San Rossore – è stata finalmente riportata in mare grazie ad un peso di 12 tonnellate, che ha permesso agli operatori di inabbissarla in acqua, ad una cinquantina di metri di profondità, a largo di San Giuliano Terme, dove creerà nuova vita, grazie alla nascita di un microsistema biologico.

Grazie alla carcassa della balena di San Rossore infatti, si formeranno tante piccole comunità di vertebrati e invertebrati, che dalla materia organica potranno ricevere una grande quantità di nutrimento. Il tutto verrà osservato da esperti locali, che monitoreranno l’operazione per almeno un anno e mezzo. Trascorso questo tempo, lo scheletro della balena sarà recuperato dalla profondità del mare e affidato all’Ente Parco.

L’affondamento è un’opportunità – ha fatto sapere Fabrizio Serena, il responsabile Area Mare di Arpat (l’Agenzia regionale per la protezione ambientale Toscana) – intanto permette di risolvere un problema di carattere economico che il piccolo Comune di San Giuliano non era in grado di affrontare, inoltre è un esperimento unico, un animale così grosso non è mai stato affondato, gli americani e gli inglesi lo hanno fatto ma con mammiferi più piccoli”.

Nei giorni scorsi, i tentativi di riportare la balena in fondo al mare sono stat dai numerosi, ma tutti fallimentari; è infatti la prima volta che un’operazione del genere viene eseguita nel Mar Mediterraneo. L'intervento di inabissamento avvenuto stamattina alle 7.00 e coordinato dal professor Stefano Dominici, è riuscito grazie ai nuovi pesi in cemento adoperati che sono scivolati fino alla coda del mammifero marino riuscendo a trascinare la carcassa in fondo. Tali blocchi cilindrici, assicurano, non dovrebbero provocare problemi ordine ambientale nell'ecosistema marino.

Verdiana Amorosi

mediterranea pelle

Mediterranea

Dimmi quanti anni hai e ti dirò di cosa ha bisogno la tua pelle

ecogreen

Ecogreen

La prima sneaker certificata Ecolabel!

whatsapp gratis
corsi pagamento