biodiversità

Oggi il passero. Domani potresti essere tu”. Con questo claim, la campagna di comunicazione per la Biodiversità della Commissione Europea sbarca sul web con una serie di iniziative di promozione per sensibilizzare i cittadini, soprattutto quelli più giovani, sui rischi legati alla perdita molte specie animali e vegetali.

Nell'anno internazionale della Biodiversità, nonché anno in cui il Consiglio europeo ha fissato al 2020 il nuovo obiettivo per fermare i tassi di perdita di biodiversità e approvato a marzo un piano d'azione con programmi specifici per riuscire ad arrestare il degrado degli ecosistemi, si inserisce questa massiccia e articolata campagna di comunicazione per richiamare l'attenzione dei cittadini europei sulla varietà della vita sulla Terra e sulle gravi ricadute per l'umanità derivanti dalla perdita di biodiversità.

Perché, esattamente come recita lo slogan alla base della campagna “Biodiversità. Siamo tutti coinvolti”, persone, animali e piante sono radicalmente connessi; gli ecosistemi e chi li compone, fittamente intrecciati.

Al centro delle varie iniziative promosse, sia attraverso eventi nelle diverse città europee che online, ruota un sito web creato ad hoc, anima della campagna che raccoglie con una grafica accattivante e un linguaggio fresco, tutte le informazioni sulla biodiversità, l'impegno dell'Europa su questo fronte, oltre che sei schede dettagliate su alcune specie a rischio, tra cui appunto il passero. “Sono il passero domestico e sono collegato a te”. Un modo intelligente per personificare la biodiversità, attraverso animali e piante di tutti i giorni. Una banda colorata in fondo a tutte le pagine del sito spiega come le specie animali dipendano l'una dall'altra: “Siamo collegati all’ape che è collegato al fiore …”. Anche il logo scelto per la campagna, una sagoma umana costituita da vere specie di piante e animali, simboleggia bene questo concetto.

biodiversità

Oltre al passero, protagonista del video virale che sta girando su internet, le schede descrivono anche il tonno rosso, la rana comune, la mela e lo scoiattolo, tutti presenti, rispettivamente, anche con una loro pagina facebook. Proprio l'utilizzo del social network più famoso del mondo è una delle caratteristiche principali di questa campagna che invita ciascun utente a diventare amico di una delle specie e a inviare una foto di sé stesso attraverso un'applicazione ad hoc in modo da creare una collezione di “persone biodiversified”.

Finalmente un esempio di comunicazione ambientale efficace e in grado di parlare ai giovani di un tema non affatto semplice da far recepire. E allora che aspettiamo a “biodiversificarci”?

Simona Falasca

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram