COp_10_GIAPPONE2010

8.000 delegati, 193 paesi, 10 giorni di lavoro e un solo obiettivo: salvaguardare la biodiversità. Sono queste le premesse della X° Conferenza delle Parti sulla Convenzione per la Biodiversità (Cop-10) che si apre oggi a NagoyaGiappone – e che durerà fino al prossimo 29 ottobre.

Il vertice, non a caso, arriva alla fine del 2010, dichiarato Anno internazionale della biodiversità dalle Nazioni Unite. E altrettanto significativo è il paese ospitante, il Giappone, che, nonostante le pressioni di opinione pubblica e associazioni ambientaliste, persevera nella caccia indiscriminata di balene e delfini (a scopo alimentare/ludico), spesso sotto mentite spoglie (ricerca scientifica in primis).

Ma ad essere colpevoli, inutile dirlo, sono tutti i partecipanti, Italia compresa. Secondo il WWF infatti, a livello globale il Living Planet Index - un indice che misura lo stato di salute della biodiversità - dal 1970 ad oggi è calato di circa il 30%, con punte del 60% ai tropici. Inoltre, sono quasi tutti concordi nel ritenere che l'umanità stia consumando più risorse di quante il pianeta ne possa produrre (v. ad esempio l'Earth Overshoot Day), siano esse foreste, oceani o altro. Insomma, il drammatico calo della biodiversità è strettamente connesso a ciascuna delle principali problematiche del nuovo millennio, dal consumo del territorio alla deforestazione, dalla pesca selvaggia al mercato nero di specie a rischio estinzione, dalla violazione dei diritti delle comunità indigene al prelievo illegale di acqua dolce... ai delegati giunti a Nagoya spetta dunque un compito difficilissimo.

Non si tratterà solo di rinnovare la stessa Convenzione per la biodiversità adottata dai 193 paesi partecipanti – che, per la cronaca, avrebbe dovuto ridurre “in modo significativo” il tasso di perdita della biodiversità entro quest'anno (tasso che, al contrario, continua ad aumentare) – ma anche di preparare il terreno per la Conferenza sul clima di Cancun, di regolamentare l'uso delle risorse ittiche di mari e oceani (secondo il WWF la flotta mondiale, ad oggi, ha un potenziale due volte e mezzo superiore alle capacità rigenerative delle risorse ittiche stesse), e via dicendo - il tutto, come sempre, con il fiato sul collo delle principali associazioni ambientaliste.

E l'Italia? Come sempre (o quasi) partiamo con le migliori intenzioni, arrivando a Nagoya freschi freschi di accordo: si tratta della Strategia nazionale per la biodiversità, predisposta dal Ministro per l'Ambiente Stefania Prestigiacomo l'8 ottobre scorso e approvata dalla Conferenza Stato-Regione. Il documento analizza il problema della perdita di biodiversità attraverso tre macro sezioni (servizi per gli ecosistemi, cambiamenti climatici e politiche economiche), individua 15 aree di lavoro (specie, habitat, paesaggio, risorse genetiche, agricoltura, foreste, fiumi e laghi, mare, infrastrutture e trasporti, città, salute, energia, turismo, ricerca e innovazione, educazione e informazione) e predispone l'istituzione di un Osservatorio nazionale sulla biodiversità e di un Tavolo di consultazione.

Le buone intenzioni non mancano, e da parte sua il Giappone ha addirittura reso noto, pochi giorni fa, lo slogan del meeting: “Life in harmony, into the future”. La speranza è che ora, dalle parole, si passi ai fatti. “Once and for all”, magari.

Roberto Zambon

Leggi tutti gli articoli sulla biodiversità

Vai al sito ufficiale della Conferenza

cosmetici pelle lavera

Lavera

Come difendere la pelle dall'inquinamento quotidiano

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram