capriolo

Si aggirava da giorni nel cimitero della Certosa e finalmente ieri, in tarda serata, il capriolo avvistato tra le tombe del camposanto bolognese è stato messo in salvo dalla Polizia provinciale che lo ha successivamente liberato nell'oasi di protezione della fauna selvatica Destra Reno a Sasso Marconi.

Immobilizzato con una rete da una squadra di quattro agenti e due guardie volontarie, il giovane "bambi", un esemplare maschio di circa 25 chili, potrà ora unirsi nell'area protetta ad altri esemplari della sua specie.

"Non è il primo intervento di questo tipo che la polizia provinciale porta a termine con successo", ha commentato l’assessore provinciale Gabriella Montera che ha voluto ringraziare personalmente gli agenti che giornalmente “sono impegnati a garantire la tutela delle specie e la sicurezza dei cittadini”.


sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram