volpe volante

Oltre 26mila specie globali sono a rischio estinzione. Lo rivela l'ultimo aggiornamento della Lista Rossa IUCN, l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, che ha rivelato la nuova crescente serie di rischi per la flora e la fauna di tutto il mondo.

La lista rossa è in costante espansione. Compilata con la collaborazione di migliaia di esperti in tutto il mondo, ora elenca 93.577 specie, di cui 26.197 sono classificate come vulnerabili, critiche o in via di estinzione.

19 delle specie precedentemente elencate sono passate a un livello più alto di rischio, tra queste il prezioso rospo noto come Ansonia smeagol - (dal nome Gollum in Il Signore degli Anelli), decimato dall'inquinamento turistico in Malesia. Corrono maggiori rischi rispetto all'ultimo aggiornamento anche due tipi di lombrichi giapponesi minacciati dalla perdita di habitat, da prodotti agrochimici e dalla ricaduta radioattiva del disastro nucleare di Fukushima e e il Bartle Frere cool-skink, un rettile australiano il cui habitat si è ridotto a causa del del riscaldamento globale. L'animale oggi vive solo in un'area di 200 metri in cima alla montagna più alta del Queensland.

I compilatori della lista rossa hanno detto che l'ultimo bilancio è stato tragico, un vero assalto alla biodiversità. I rettili australiani minacciati - tra cui lucertole e serpenti - affrontano gravi minacce a causa di specie invasive e dei cambiamenti climatici, con il 7% di essi minacciati di estinzione. La mauriziana volpe volante, un importante impollinatore, è ora elencata come in pericolo a causa di una campagna di abbattimento.

Le minacce non sono limitate a creature lontane da noi, caratterizzate da nomi esotici ma riguarda la capacità stessa della Terra di fornire aria pulita, acqua fresca, cibo e un sistema meteorologico stabile.

“Le specie invasive, i cambiamenti climatici, i cicloni e il conflitto tra uomo e natura sono solo alcune delle molte minacce che causano il caos sugli ecosistemi del nostro pianeta. Mentre le specie provenienti da Mauritius verso l'Australia scivolano verso l'estinzione, rischiamo di perdere parte della nostra cultura e della nostra identità, così come i benefici che queste specie forniscono alla vita impollinando le nostre colture o preservando terreni sani” secondo il direttore generale della IUCN, Inger Andersen

Ecco alcune delle nuove specie in via di estinzione:

La volpe volante delle Mauritius

La volpe delle Mauritius (Pteropus niger), è una grande specie di pipistrelli che si trova solo nelle isole dell'Oceano Indiano di Mauritius e Reunion. Esa è passata da “Vulnerable” a “Endangered”, a rischio nella Lista Rossa IUCN. La popolazione di pipistrelli è diminuita del 50% circa tra il 2015 e il 2016, in gran parte a causa dell'abbattimento da parte dei pipistrelli del governo, motivato da presunti ai danni di alcune colture.

Albero Aquilaria malaccensis

La domanda di profumo minaccia uno dei boschi più apprezzati del mondo. L'albero Aquilaria malaccensis, che si trova in uno dei boschi più apprezzati al mondo, si è spostato da vulnerabile a gravemente minacciato perché il disboscamento e la deforestazione hanno causato un calo delle popolazioni di oltre l'80% rispetto al ultimi 150 anni. L'Aquilaria malaccensis è una delle specie di produzione di agar più utilizzate al mondo per la profumeria.

agar

Lombrichi giapponesi

Delle 43 specie autoctone di lombrichi giapponesi valutate nella Lista rossa, tre sono considerate a rischio di estinzione (Eisenia anzac, Drawida moriokaensis e Drawida ofunatoensis). L'intensificazione agricola, l'espansione urbana e le ricadute radioattive dalla Seconda Guerra Mondiale e l'esplosione del reattore di Fukushima Daiichi del 2011 sono le principali minacce di queste specie.

lombrichi giapponesi

L'aggiornamento della Lista rossa IUCN delle specie minacciate mostra che è necessaria un'azione urgente per salvaguardarle. Ma ci sono anche buone notizie, come la riscoperta di quattro specie di anfibi sudamericani che si pensava fossero estinti.

Queste creature sono state riscoperte in Colombia ed Ecuador. Sono: il rospo del Rio Pescado Stubfoot (Atelopus balios), il Quito Stubfoot Toad (Atelopus ignescens) e l'Atelopus nanay, tutti ritenuti scomparsi a causa degli effetti della malattia della chidiidiomicosi. Il quarto animale riscoperto è stato il rospo delle Ande (Rhaebo colomai), pesantemente colpito dalla perdita dell'habitat.

Questo rafforza la teoria secondo cui ci stiamo muovendo verso un periodo in cui le estinzioni si verificano a un ritmo molto più elevato rispetto al tasso naturale. Stiamo mettendo in pericolo i sistemi di supporto vitale del nostro pianeta e mettendo a repentaglio il futuro della nostra stessa specie”, ha detto Craig Hilton-Taylor, a capo dell'unità della lista rossa dell'IUCN a Cambridge. “Questa è la nostra finestra di opportunità per agire - abbiamo le conoscenze e gli strumenti su ciò che deve essere fatto, ma ora abbiamo bisogno di tutti, governi, settore privato e società civile, per intensificare le azioni e prevenire il declino e la perdita delle specie”.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram