riscaldamento globale biodiversita

Limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C entro il 2100 salverebbe la maggior parte delle specie animali e vegetali dai cambiamenti climatici. Lo rivela un nuovo studio, secondo cui non è vero che abbiamo superato il punto di non ritorno. Possiamo ancora correre ai ripari per salvare la Terra del riscaldamento globale.

Un nuovo rapporto rivela che limitare il riscaldamento così come stabilito dall'accordo di Parigi dimezzerebbe i rischi per piante e animali e ridurrebbe di due terzi i rischi per gli insetti.

Lo studio, condotto dai ricercatori dell'Università dell'East Anglia (UEA) e della James Cook University in Australia, è il primo a studiare il modo in cui limitare il riscaldamento a 1,5 ° C andrebbe a beneficio delle specie a livello globale.

Sarebbero soprattutto quelle che vivono in Africa meridionale, in Amazzonia, in Europa e in Australia a beneficiarne di più.

La ricerca precedente si era concentrata sulla quantificazione dei benefici del riscaldamento limitato a 2° C rispetto ai livelli preindustriali e non aveva mai considerato gli insetti. In realtà, ridurre i rischi per questi ultimi è particolarmente importante perché sono fondamentali per i cosiddetti “servizi ecosistemici" come l'impollinazione di colture e fiori. Inoltre, gli insetti fanno parte della catena alimentare di altri uccelli e animali.

marsupiali estinzione

I ricercatori della UEA e della James Cook University hanno studiato circa 115.000 specie tra cui 31.000 insetti, 8000 uccelli, 1.700 mammiferi, 1.800 rettili, 1.000 anfibi e 71.000 piante.

“Volevamo vedere in che modo i diversi futuri previsti per il clima potessero rendere queste aree climaticamente inadatte alle specie che le popolano” ha detto la ricercatrice principale, Rachel Warren, del Centro per la ricerca sui cambiamenti climatici di Tyndall dell'Università dell'East Anglia.

Gli scienziati hanno monitorato i rischi per la biodiversità contando il numero di specie che, stando alle previsioni, perderebbero più della metà del loro raggio geografico a causa dei cambiamenti climatici.

“Abbiamo scoperto che raggiungere l'obiettivo finale dell'Accordo di Parigi, limitare il riscaldamento a 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali, avrebbe enormi benefici per la biodiversità, molto più che limitare il riscaldamento a 2° C”.

Gli insetti sono particolarmente sensibili ai cambiamenti climatici. Con il riscaldamento a 2° C, il 18 per cento di quelli esaminati è destinato a perdere più della metà del raggio d'azione. Questa percentuale scenderebbe al 6% se si riuscisse a contenere il riscaldamento globale entro 1,5 ° C. In caso contrario, seguendo l'attuale tendenza del riscaldamento, se si arrivasse intorno ai 3 ° C, quasi il 50 per cento degli insetti perderebbe metà del raggio d'azione.

“Abbiamo scoperto che i tre principali gruppi di insetti responsabili dell'impollinazione sono particolarmente sensibili al riscaldamento”.

A Parigi, i paesi hanno concordato di provare a limitare le emissioni, mantenendo il riscaldamento entro 2° C, ma non tutti sono d'accordo sul fatto che ciò sarà sufficiente. C'è molto scetticismo sui risultati dell'accordo e la situazione è ancor più complicata dal passo indietro degli Stati Uniti guidati dal presidente Trump.

Lo studio ha esaminato anche la capacità di altre specie di trasferirsi in luoghi più adatti mentre il mondo si riscalda. Uccelli, mammiferi e farfalle hanno la maggiore capacità di spostarsi ma purtroppo secondo gli scienziati, se il riscaldamento sarà limitato a 1,5 ° C entro il 2100, più specie riusciranno a tenere il passo, ma se supereranno i 2° C molte non ce la faranno.

Non solo piccoli animali. Con un riscaldamento limitato a 1,5 ° C anche il rinoceronte nero, attualmente a rischio estinzione, avrebbe migliori prospettive di sopravvivenza. Gli impegni di Parigi sono solo l'inizio. Per contenere i cambiamenti climatici, occorrono sforzi maggiori.

Lo studio è stato pubblicato su Science.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

geronimo stilton

G.Stilton testimonial per Conad

Il popolare topo è testimonial del concorso di scrittura sull'ambiente organizzato da Conad con il WWF. Scopri perché

Orticolario 2018

Fiera Orticolario 2018

Dal 5 al 7 ottobre a Villa Erba (lago di Como) apre la fiera per un giardinaggio evoluto. Tutti gli eventi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram