balena_gigante_piazza-di-spagna
Le balene non sono in vendita!” È questo il messaggio che campeggia sullo striscione esposto oggi da Greenpeace a Piazza di Spagna, a Roma, davanti ad una balena lunga quindici metri, per protestare contro la feroce caccia alle balene e alla corruzione diffusa nel mondo, che mette a repentaglio la vita di questi cetacei.

Proprio oggi, nella città marocchina di Agadir, si è aperta la sessantaduesima edizione dell’incontro della Commissione Baleniera internazionale (IWC), in cui i Paesi di tutto il mondo decideranno sul futuro delle balene. Oggetto del dibattito di questi giorni sarà una proposta che potrebbe mettere a rischio la moratoria alla caccia delle balene, che è in vigore da ben ventiquattro anni. In sostanza, Paesi come Giappone, Norvegia e Islanda, potrebbero tornare ad uccidere e commercializzare indisturbati questi poveri animali.

Proprio in Giappone infatti, Greenpeace sta vivendo un momento difficile: due attivisti giapponesi, Junichi Sato e Toru Suzuki, rischiano oggi più di un anno di reclusione per aver denunciato le dinamiche di corruzione e contrabbando di balene nel loro Paese. E l’Italia – mentre si avvicina la riapertura della caccia commerciale di questi cetacei - mostra un atteggiamento passivo di fronte alla corruzione e alla compravendita di voti che mette a rischio la vita di questi animali marini.

«Apprezziamo la posizione dell’Italia fortemente contraria alla caccia baleniera, ma questo non basta per salvarle – ha detto Giorgia Monti, responsabile della campagna Mare di Greenpeace. – È necessario che tutti i Paesi contrari alla caccia alle balene denuncino la compravendita dei voti all’IWC e impediscano a pochi Paesi di pagarsi il diritto di cacciare le balene».

A vacillare infatti è anche l’autorevolezza e l’onestà dell’IWC, che sarebbe tutt’altro che trasparente. Secondo Greenpeace e il Sunday Times infatti, il voto dei Paesi più poveri sarebbe acquistato dai Paesi più ricchi e desiderosi di riaprire la caccia alle balene, che verserebbero soldi ai paesi meno abbienti per costringerli a votare a favore della riapertura delle attività.

Per fermare tutto questo, qualche giorno fa, Greenpeace ha inviato una lettera al Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Giancarlo Galan - responsabile in Italia per l’IWC - e al Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, chiedendo loro di attivarsi subito per mettere fine alla compravendita di voti e dichiarare il no italiano alla riapertura della caccia commerciale. La riposta dai ministeri non è ancora arrivata.

Verdiana Amorosi

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram