Un invasione di cavallette minaccia i vigneti dei Colli Euganei, nel padovano. Già da qualche giorno gli insetti stanno prendendo di mira le foglie di vite e le piante di mais. Ma l'allarme riguarda anche orti, frutteti e altre coltivazioni.

L'animaletto "malefico" che sta facendo tremare la provincia di Padova è il "Barbitistes Vicentinus", che a causa della grande quantità di pioggia riversatasi in quets'ultimo periodo nella zona, ha trovato un habitat favorevole alla sua sopravvivenza. Sappiamo che il suo regime alimentare è esclusivamente fitofago cioè unilaterale e a spese del vegetale e che l'apparato masticatore di cui è dotato consente di divorare e distruggere letteralmente decine di ettari di coltivazioni.

E sarebbe proprio questo il principale motivo di preoccupazione degli agricoltori dei vigneti Doc. Non solo. Col passare del tempo, il numero delle cavallette sta aumentando a dismisura, per via delle condizioni climatiche.

"Stiamo molto attenti a non sottovalutare un fenomeno che può causare nel giro di pochi giorni gravi danni all’agricoltura" ha riferito Walter Luchetta, direttore della Coldiretti di Padova. E spera in un intervento immediato: "Non c'è tempo da perdere, Provincia e Parco Colli devono mettere in atto già dalle prossime ore tutti i provvedimenti necessari ad arginare l’invasione delle cavallette".

Anche la Coldiretti del Friuli Venezia Giulia si è detta preoccupata e in una nota ha fatto sapere che la grande quantità di locuste può spostarsi entro breve tempo: "Dai boschi si stanno spostando velocemente, anche di qualche centinaio di metri al giorno, fermandosi tra i filari delle vigne e sui campi coltivati".

Francesca Mancuso



I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog