alberi dimenticati

Potremmo definirlo come un orto o un giardino degli antichi sapori perché qui si coltivano e si recuperano alberi da frutto e piante commestibili, che rischiavano di scomparire per sempre.

Siamo a San Lorenzo di Lerchi a Città di castello, un luogo sicuro e tranquillo tra le colline umbre, il regno magico della regina della biodiversità, l’agronoma Isabella della Ragione che dopo la scomparsa del padre Livio, ha portato avanti l’idea pioneristica di trasformare i suoi poderi in un giardino di salvataggio e riproduzione di decine di varietà di alberi da frutto fondando l’Associazione Archeologia Arborea con lo scopo proprio di recuperare cibi dimenticati e varietà perdute. La sua bella iniziativa è arrivata anche oltreoceano, destando l'interesse del New York Times che a lei e al suo giardino ha dedicato un lungo approfondimento sulle sue pagine.

Già da bambina, l’agronoma sognava di occuparsi della natura, motivo per cui dopo gli studi in Agraria si è dedicata anima e corpo al suo frutteto dove oggi ci sono oltre 400 esemplari di diverse specie tra melo, pero, ciliegio, susino, fico, mandorlo, nespolo e melo cotogno, in 150 varietà diverse ritrovate nelle zone della ricerca.

LEGGI anche: TREE OF 40 FRUIT: L'ALBERO SU CUI CRESCONO 40 FRUTTI DIVERSI

alberi dimenticati1

"Le piante, coltivate con i sistemi tradizionali del luogo, sono inserite in un contesto che recupera e restituisce l’armonia e le suggestioni di un paesaggio agricolo di antica sapienza. La collezione serve al mantenimento delle risorse vegetali e culturali; testimonia e conserva un importante segmento del patrimonio storico, culturale e paesaggistico; ha forti potenzialità dal punto di vista didattico; ha una importante funzione di serbatoio, favorendo il mantenimento della biodiversità e le produzioni locali", si legge sul sito dell’associazione.

Se una pianta muore è la fine. Il volere recuperare alberi da frutto che stavano scomparendo è una passione che le ha trasmesso il padre che amava andare alla ricerca di tutta quella parte della natura, che non riusciva più a soddisfare le esigenze del mercato e i nuovi gusti alimentari.

Raccogliendo gemme e innestando frutteti Livio della Ragione era riuscito a trasformare un cortile di una vecchia chiesa sconsacrata, abbandonata e acquistata negli anni Sessanta, in un giardino di antichi sapori, chiamando la  sua collezione "Archeologia arborea".

alberi dimenticati2

Un’iniziativa oggi considerata unica nel suo genere, per questo il giardino è anche un luogo di visita di studenti e appassionati che vogliono conoscere la varietà della natura, perché ogni pianta ha la sua storia e le proprie tradizioni.

Dominella Trunfio

Foto

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram