foca_monaca

Dopo tanti anni, si dice quasi mezzo secolo, le foche monache sono tornate a Marettimo, nel mare antistante la Grotta del Cammello dove negli anni '50 erano solite nuotare. Le hanno scorte a pelo d'acqua il 31 marzo scorso i pescatori dell'arcipelago delle Egadi, sulla costa occidentale della Sicilia, e filmate con un telefonino, mostrando poi il video alla Capitaneria di Porto e al WWF che ha detto che quella di Marettimo potrebbe essere una "famiglia" di foche monache, formata da un maschio e una femmina adulti ed un cucciolo.

Quella delle "Monachus monachus" è considerata una delle 100 specie maggiormente a rischio di estinzione. Un tempo abitavano tutto il mare Mediterraneo, mentre oggi si stima che sopravviva una popolazione di circa 400 esemplari, circa 2/3 dei quali nel Mediterraneo e il resto nell'Atlantico, spesso esemplari isolati o piccoli gruppi familiari come quello avvistato a Marettimo. Altre segnalazioni sono arrivate negli ultimi anni dal mar Tirreno (ricorderete quella all'isola del Giglio) dallo Ionio e dalle coste sarde, mentre la maggiore concentrazione di foche monache è localizzata nelle isole della Turchia e della Grecia.

''Speriamo davvero che il suo ritorno aiuti a celebrare degnamente l'anno della Biodiversità e faccia comprendere a tutte le comunita' locali che vivono lungo le nostre coste che una specie cosi' rara rappresenta una ricchezza da difendere e custodire con saggezza'', ha affermato Fulco Pratesi, il Presidente onorario di WWF Italia che nel 1985 ha fondato a Marettimo il locale Gruppo Foca Monaca, che negli anni passati ha realizzato una statua raffigurante proprio la foca monaca con il suo cucciolo a grandezza naturale.

Per Lucio Antinoro, sindaco di Favignana, che insieme a Levanzo compone l'arcipelago delle Egadi dal 1989 Riserva Marina Naturale, ''La notizia ci inorgoglisce a conferma dell'ambiente egadino sano ed incontaminato''. "Se la foca monaca è tornata significa che ha trovato un ambiente favorevole'' ha quindi evidenziato il comandante dell'ufficio locale marittimo di Marettimo della Capitaneria di Porto, Michele Parisi.

Sull'avvistamento della foche monache è intervenuta il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo, che intende "nominare custodi di questo tesoro la comunità e i pescatori stessi di Marettimo”, si legge in una nota. "Comunità locali e pescatori saranno chiamati a fornire indicazioni su eventuali misure di protezione da adottare. Una sorta - ha precisato il ministor – di 'federalismo ambientale' che siamo certi sarà efficace”. “Come ministero ci impegneremo a salvaguardare l’ecosistema e fornire il supporto tecnico scientifico necessario alla comunità di Marettimo”.

La notizia del ritorno della foca monaca a Marettimo potrebbe dare un nuovo impulso al progetto in discussione da diverso tempo di istituire il Parco nazionale delle Egadi, che potrebbe valorizzare ancora di più le isole e un territorio, quello del litorale trapanese, ricco di bellezze naturali, ma devastato fino ad oggi dall'abusivismo edilizio e da politiche di salvaguardia dell'ambiente praticamente inesistenti.

Daniele Pizzo

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog