uccelli habitat

Il parlamento europeo ha approvato con ben 592 voti favorevoli (solo 52 contrari) il report “Mid term review” della Strategia sulla biodiversità al 2020. In sostanza si è scelto di difendere le direttive già esistenti, rafforzarle e applicarle rigorosamente in tutti i paesi dell’Unione europea.

Si sta parlando nello specifico delle direttive Habitat e Uccelli che consentono di tutelare le specie e gli habitat più preziosi d’Europa. Queste norme, se correttamente applicate, permetteranno ad esempio di recuperare specie come la lince iberica, l’aquila di mare e l’orso e consentiranno di salvaguardare il grande patrimonio di biodiversità delle varie nazioni Ue.

Le associazioni ambientaliste Legambiente, Lipu-BirdLife Italia e Wwf Italia sottolineano l’importanza di questo primo risultato soprattutto in vista del voto definitivo del Parlamento europeo sulla questione che è previsto ad aprile:

“Siamo molto soddisfatti del risultato del voto di Strasburgo anche se la partita delle direttive Habitat e Uccelli non è ancora del tutto chiusa. Tuttavia, possiamo dire che la strada è segnata in senso positivo: ora anche il Parlamento europeo, dopo gli 500mila cittadini europei che hanno sottoscritto l’anno scorso la petizione internazionale, è convinto che le direttive Uccelli e Habitat sono essenziali per il progetto europeo, non vanno toccate e anzi vanno applicate con pienezza e convinzione. Un successo straordinario per le associazioni impegnate nella campagna #allarmenatura e per i milioni di cittadini europei che vogliono una natura più tutelata” si legge nel comunicato stampa diramato dalle associazioni.

Anche l’Enpa ha visto esaudire le proprie aspettative e ora, visto il netto risultato europeo, chiede che l’Italia ne tenga conto e agisca di conseguenza:

“Il voto con cui il Parlamento Europeo, su impulso della Commissione, ha confermato a larghissima maggioranza le Direttive ‘Uccelli’ e ‘Habitat’, esprimendosi anzi per una loro piena implementazione, rappresenta per i Paesi dell'Unione una chiara indicazione strategica. Sull'onda di questo voto l'Italia abbandoni una volta per tutte la lunga tradizione che la vede “maglia nera” in queste materie e si impegni in quella svolta tanto attesa dall'opinione pubblica, già da tempo protagonista di una vera rivoluzione culturale a favore dell'ambiente e degli animali” ha dichiarato Annamaria Procacci, responsabile Enpa per biodiversità e cambiamento climatico.

Speriamo che dopo il voto definitivo di aprile (che inevitabilmente seguirà la tendenza attuale), i governi di tutta Europa si prenderanno seriamente in carico l'impegno di tutelare il nostro patrimonio ambientale. Attendiamo con ansia i risultati e soprattutto le proposte concrete per salvare natura e animali a rischio!

Francesca Biagioli

Leggi anche:

BIODIVERSITÀ: L'ONU CHIEDE AZIONI VELOCI E DECISE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI AL 2020
GIORNATA MONDIALE DELLA BIODIVERSITA' 2015: 1 SPECIE SU 6 A RISCHIO ESTINZIONE, ADDIO A 3 FRUTTI SU 4

BIODIVERSITÀ: 10 NUOVE SPECIE PARTICOLARI SCOPERTE NEL 2015

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram