unep wildlife

L'Onu, attraverso il programma ambientale Unep, ha proclamato ufficialmente il 3 marzo come la Giornata Mondiale della Natura, in onore della flora e della fauna da proteggere. Si tratterà soprattutto di lottare contro il commercio illegale di animali e contro il pericolo dell'estinzione di tutte le specie a rischio.

Il prossimo 3 marzo celebreremo la bellezza della vita sotto varie forme, a partire dalla flora e dalla fauna. Verranno organizzate nel mondo numerose iniziative di sensibilizzazione per la tutela delle specie animali e vegetali. In particolare, si rende necessario accrescere l'impegno per lottare contro l'estinzione e per porre fine ai reati contro gli animali, l'ambiente e la natura, a partire dalla caccia di frodo e dal commercio illegale.

La 68esima assemblea generale delle Nazioni Unite, svoltasi venerdì scorso, ha deciso di adottare una nuova Giornata Mondiale per proteggere il pianeta dalle minacce che incombono sulla flora e sulla fauna, a partire dai pericoli legati al commercio di frodo delle specie rare, che può generare un giro di affari pari a 14 miliardi all'anno.

L'Onu invita tutti gli Stati membri e le organizzazioni interessate, così come i singoli cittadini, a partecipare alla celebrazione dedicata alla vita selvatica. Sarà un mezzo per diffondere la consapevolezza necessaria alla difesa della biodiversità animale e vegetale. Il 3 marzo coincide con la data di adozione della Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora (CITES - Convenzione sul commercio internazionale delle specie in via d'estinzione appartenenti alla fauna e alla flora selvatica).

Proclamando la nuova Giornata Nazionale dedicata al pianeta, l'assemblea generale dell'Onu ha riaffermato il valore intrinseco della vita selvatica e i suoi numerosi contributi al pianeta, dal punto di vista ecologico, genetico, sociale, economico, scientifico, culturale, estetico e educativo, per lo sviluppo sostenibile e per il benessere umano. Ha dunque sottolineato l'importante ruolo della convenzione CITES nell'assicurare che il commercio internazionale non rappresenti una minaccia per la sopravvivenza delle specie animali e vegetali in pericolo.

Marta Albè
Fonte foto: Unep.org

Leggi anche:

Biodiversità: 10 proposte per dar valore alla natura

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram