Quinto conto energia: le associazioni si appellano alle Regioni per accelerare le modifiche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quinto conto energia. Le associazioni hanno lanciato un nuovo appello alle Regioni, chiedendo loro di non fermarsi e continuare ad oltranza i negoziati sul nuovo sistema di incentivi destinati al fotovoltaico, fino a che non saranno accettate tutte le modifiche proposte sulla bozza.

Alla vigilia delle riunioni della Conferenza Stato-Regioni, AES, ANIE-GIFI, APER, ASSOSOLARE e Comitato IFI hanno chiesto ancora una volta aiuto alle Regioni, com’era accaduto meno di un mese fa.

Il 10 maggio scorso le Regioni avevano infatti avanzato una serie di modifiche da apportare al decreto, per tutelare un settore di punta come il fotovoltaico. Tra esse l’innalzamento del tetto di spesa dagli attuali 500 milioni di euro previsti dalla bozza a 1 miliardo, l’esclusione dal registro dei grandi impianti di quelli con potenza inferiore ai 20 kW, del ripristino del bonus per la bonifica dell’amianto dai tetti e del premio Made in Europe.

Ma le associazioni spingono il piede sull’acceleratore, e non si accontenano di qualche lieve miglioria che servirebbe a poco. “Seppure molte Regioni si siano mostrate fermamente a favore delle modifiche proposte dall’industria, i Ministeri competenti non sembrano intenzionati a cambiare quei parametri che, se venissero mantenuti come nelle attuali versioni, comprometterebbero definitivamente la sopravvivenza della maggior parte delle aziende del settore fotovoltaico, con gravi ripercussioni sull’occupazione e sull’economia del Paese” spiegano le associazioni.

In particolare, riveste un ruolo di primo pianto l’innalzamento del livello di spesa annua fino a 7 miliardi di euro. Fondamentale visto che il fotovoltaico starebbe contribuendo in maniera rilevante alla riduzione degli import energetici. Secondo le associazioni, solo nel mese di aprile il fotovoltaico ha soddisfatto il 5,5% della domanda nazionale di elettricità rappresentando il 7,4% della produzione.

Per questo, l’auspicio è che le riunioni che si svolgeranno in settimana tra Ministeri e Regioni possano far tornare i primi sui loro passi convincendoli ad apportare le modifiche necessarie affinché il fotovoltaico continui ad accumulare successi, anche a costo di ritardare l’uscita del decreto. Unica condizione che le associazioni sono disposte a negoziare.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook