Quinto conto energia: per il Gse raggiunti i 6,5 miliardi. 200 milioni alla fine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin


Quinto conto energia. Mancano ormai 200 milioni di euro alla fine dell’era degli incentivi al fotovoltaico. Tanti se si guarda alla cifre in sé, ma un’inezia se messa in relazione a quella necessaria per far sì che il settore possa volare alto. Ad annunciare il raggiungimento dei 6,5 miliardi di euro di incentivi è stato lo stesso Gestore dei Servizi Energetici.

Ieri 16 dicembre infatti sono stari raggiunti i 6,5 miliardi. Oggi, per la precisione, sono 6.500.174.264, come mostra il contatore del fotovoltaico presente sul sito del Gse. Una cifra non da poco, ma purtroppo non sufficiente e vicina alla fine.

Alcune cifre. Dice il Gestore che gli impianti entrati in esercizio complessivamente dal Primo conto energia al 16 dicembre 2012 sono 463.746 per una potenza pari a 16.104 MW a cui si aggiungono 2.670 impianti iscritti ai registri in posizione utile per una potenza pari a 650 MW. Solo conteggiando i dati del Quinto conto energia, sono stati 19.918 i nuovi impianti, con una potenza installata pari a 1.050.853 kW e un costo annuo di 111.823.680 euro.

Va comunque fatta una precisazione. Quando gli incentivi raggiungeranno i 6,7 miliardi cosa accadrà? Secondo Gerardo Montanino del Gse, manterranno il diritto ad essere valutate le richieste di incentivazione/premio, inviate attraverso le modalità in uso (portale), relative sia “agli impianti già entrati in esercizio, purché le stesse pervengano entro i 30 giorni solari dalla data di raggiungimento dei 6,7 miliardi di euro, sia agli impianti iscritti in posizione utile nei registri, non decaduti”. Per questo motivo, la data considerata non sarà quella di entrata in esercizio dell’impianto ma quella in cui il Gse riceverà la domanda di ammissione agli incentivi, ossia entro 30 giorni solari dal raggiungimento dei 6,7 miliardi di euro.

In ogni caso, gli incentivi erogati attraverso il Quinto conto energia sono riusciti a resistere più di quanto previsto inizialmente. Qualche settimana dopo essere entrati in vigore il 27 agosto scorso, si temeva che la loro durata sarebbe stata limitata a qualche mese, se non addirittura a poche settimane.

Dopo la chiusura delle iscrizioni al primo registro, datata a settembre, gli incentivi sul contatore erano pari a 6,33 miliardi di euro. Ciò significa che in tre mesi ne sono stati elargiti circa 170 milioni.

Continuando a questi ritmi, gli incentivi potrebbero avere qualche speranza di vedere la primavera.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Quinto conto energia: gli incentivi al fotovoltaico stanno per finire

Quinto conto energia: i dubbi dopo la pubblicazione della graduatoria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook