Quinto conto energia, Proia: dal fotovoltaico all’E-Cat

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin


Quinto conto energia. Il nuovo sistema di incentivi non sta raccogliendo molti consensi. Le ultime voci sono quelle della Confederazione Italiana Agricoltori della Basilicata che vorrebbe esonerare le imprese agricole che finalizzano la produzione di energia verde per autoconsumo, e Aldo Proia, nome già noto perché associato alla fusione fredda e al catalizzatore di Andrea Rossi, l’E-Cat.

La Confederazione sarebbe interessata a rilanciare la proposta di definizione del Piano e del Distretto agroenergetico regionale all’interno del quale devono essere favorita l’idea di “un mini-impianto di energie rinnovabili in ogni azienda”.

Secondo gli agricoltori, le attività di produzione di energia elettrica da biomasse agricole e forestali dovrebbero essere meglio incentivate e “i sostegni previsti sapientemente governati“. Come? Basterebbe un mini-impianto solare e/o di un mini-impianto eolico in ogni azienda. “La cosa interessante è che buona parte della filiera industriale delle agroenergie c’è già ed è italiana: è necessario che il Governo sostenga la transizione dalle energie fossili a quelle rinnovabili agricole con incentivi e contributi equilibrati, che premino più l’efficienza e meno le speculazioni” spiega la Cia. Chissà se qualcuno dal Governo recepirà il suggerimento.

E poi c’è Aldo Proia. La sua Prometeon si dedicherà alla commercializzazione dei prodotti della Leonardo Corporation. Primo tra tutti l’E-Cat. Nel corso di un’intervista rilasciata a NextMe e pubblicata oggi, Proia si è lasciato andare a qualche commento sul Quinto conto energia. Provenendo dal settore fotovoltaico, Proia ha parlato del suo passaggio alle LENR: Avevo sentito parlare dell’E-Cat e del fatto che era stato presentato a Bologna, la mia città. Per molti mesi, non ci ho pensato. Poi, però, i nuovi decreti sul fotovoltaico hanno penalizzato il business dei grandi impianti da investimento di cui mi occupavo, così ho deciso di contattare Rossi e gli ho presentato qualche investitore: in questo modo, mi ha conosciuto e apprezzato.

La fusione fredda sarebbe dunque più redditizia del fotovoltaico? La scelta di Proia sembra testimoniarlo. L’E-Cat sarebbe dunque lo strumento rivoluzionario che l’uomo attende. E alla domanda: “Perché ha deciso di abbandonare il fotovoltaico” Proia ha risposto: “Già più di un anno fa sono stati introdotti dei vincoli legislativi che hanno messo in ginocchio il business dei grandi impianti fotovoltaici su terreni agricoli, ed il recente Quinto conto energia rischia di fare lo stesso con gli altri tipi di impianti. Ma anche senza questi eventi, l’E-Cat termico è una novità assoluta e non in concorrenza con il fotovoltaico, mentre in futuro l’E-Cat elettrico potrebbe produrre elettricità a un costo molto più basso rispetto ai sistemi concorrenti.

Il fotovoltaico, conto energia o no, deve temere un altro rivale?

Francesca Mancuso

Leggi su NextMe l’intervista integrale ad Aldo Proia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook