Quinto Conto Energia: il Governo faccia chiarezza sugli incentivi per il fotovoltaico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quinto conto energia. A prescindere dalla veridicità della bozza circolata dalla scorsa settimana sul nuovo sistema di incentivi per il fotovoltaico, il suo contenuto sta già destando preoccupazione, e non solo tra le associazioni del settore.

Da più parti è stato richiesto l’intervento del Governo, affinché possa confermare o smentire le condizioni emerse dalla bozza. Che non sono affatto incoraggianti visto che il badget annuo messo a disposizione all’indomani della fine dell’attuale sistema di incentivi non andrà oltre i 500 milioni di euro fino al 2014. Un taglio davvero drastico rispetto alla cifra di 6 miliardi di euro del precedente sistema.

Tutti si chiedono che fine faranno gli incentivi al fotovoltaico, quando ormai sembrava che almeno questo settore in Italia aveva iniziato a decollare, rispetto ad altre fonti rinnovabili di energia: “Kyoto Club, che ha sempre sostenuto un’intelligente modulazione degli incentivi sulla base della crescita di questi mercati e sulla conseguente riduzione dei prezzi delle tecnologie e ha ritenuto sbagliate le posizioni radicali di alcune frange del comparto delle rinnovabli, denuncia la gravità di provvedimenti che metterebbero in ginocchio uno dei pochi settori che hanno avuto una funzione anticiclica nell’attuale crisi economica“.

Legambiente, ANIE/GIFI e il Senatore del PD Ferrante hanno già espresso la propria perplessità. E oggi anche Kyoto Club ha palesato il proprio disappunto verso questo (reale o no) sistema di incentivi. E se da una parte l’organizzazione non profit considera gravissimo il fatto che le bozze sul quinto conto energia possano avere una matrice non ministeriale, dall’altra ha dichiarato che i contenuti potrebbero essere verosimili e affini a quelli che i Ministeri competenti potrebbero presto annunciare.

Già, perché già da tempo Clini parla dell’introduzione di un nuovo meccanismo incentivante per il fotovoltaico, senza però aggiungere altri dettagli. E non è tutto. Secondo Kyoto Club, anche per le altre fonti rinnovabili e l’efficienza energetica si preannunciano interventi tali da rischiare seriamente di affossare un intero comparto “che il Governo vorrebbe contingentato su livelli annuali molto bassi“. E sarebbe “un duro colpo alla credibilità del sistema paese“.

Uno scivolone del Governo sul fronte delle rinnovabili rappresenterebbe un duro colpo per un settore vitale del paese, una battuta d’arresto per le strategie energetiche italiane mentre tutta l’Europa sta rapidamente virando verso le energie verdi e anche un danno politico rilevante per il Governo Monti che aveva raccolto fiducia e stima in molte aree del paese” fanno sapere dal Kyoto Club, sottolineando il fatto che uno dei pochi settori rimasti saldi a dispetto della crisi possa vedere minate le proprie fondamenta. Per questo è l’organizzazione ha fatto appello a tutte le associazioni delle rinnovabili elettriche e termiche e dell’efficienza energetica per organizzare un tavolo di lavoro comune “per confrontarsi con il Governo, secondo un approccio che metta da parte interessi particolari e che punti a dare forza e fiducia a questo comparto strategico della green economy“.

In attesa di saperne di più.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook