Quarto conto energia: obbligatorio il certificato antimafia per richiedere gli incentivi al fotovoltaico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono state rese note ieri dal Gestore dei servizi energetici le modalità per la presentazione del certificato antimafia, per chi ha richiesto gli incentivi col Quarto Conto Energia.

Secondo quanto si legge sul sito del GSE, i soggetti che presenteranno istanza di accesso agli incentivi di cui al D.M. 5 maggio 2011, ossia avvalendosi del Quarto Conto Energia, dovranno obbligatoriamente presentare il certificato antimafia rilasciato dalla Prefettura o dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, della Provincia in cui i soggetti richiedenti hanno la loro sede, riportante la dicitura antimafia, secondo quanto stabilito dall’art. 67 del D.lgs. n. 159 del 2011.

I certificati dovranno poi essere inviati al GSE entro sei mesi dal loro rilascio. Ma ci sono delle categorie che rimangono comunque esenti dall’obbligo di presentazione del certificato antimafia.

I soggetti pubblici ossia una pubblica amministrazione, un ente pubblico, un ente e un’azienda vigilata dallo Stato o da altro ente pubblico, una società o impresa comunque controllata dallo Stato o da altro ente pubblico nonché un concessionario di opera pubblica;

I soggetti, anche privati, i cui organi rappresentativi e quelli aventi funzioni di amministrazione e di controllo sono sottoposti, per disposizione di legge o di regolamento, alla verifica di particolari requisiti di onorabilità tali da escludere la sussistenza di una delle cause di sospensione, di decadenza o di divieto di cui al citato articolo 67;

I soggetti che esercitano attività agricola o professionale, non organizzata in forma di impresa ovvero esercitano attività artigiana in forma di impresa individuale e attività di lavoro autonomo anche intellettuale in forma individuale;

I soggetti destinatari di incentivi il cui valore complessivo, inclusi eventuali incentivi riferiti ad altri impianti, non supera 150.000 euro. In questo caso, secondo il Gse, il valore complessivo degli incentivi deve essere stimato moltiplicando il valore unitario della tariffa incentivante considerando eventuali premi e maggiorazioni per la producibilità annua, coincidente con quella indicata nella scheda tecnica finale d’impianto, per i venti anni di durata dell’incentivo.

E se non si dovesse presentare la certificazione antimafia? La conseguenza sarebbe la mancata ammissione al sistema di incentivi previsti dal Quarto Conto Energia.

Da qui è scaricabile il modello di dichiarazione di esenzione dall’obbligo.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook