Google sempre più verde e “rinnovabile” punta sull’eolico off-shore nell’Atlantico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il colosso di Mountain View si dimostra sempre più green-oriented: dopo aver creato una divisione apposita per le rinnovabili, investito nel fotovoltaico a concentrazione e puntato sia sull’energia eolica che su quella solare, dando uno sguardo anche alle potenzialità del nostro Paese, Google ora punta sui mari, alla ricerca del vento offshore, per costruire un parco eolico a largo delle coste atlantiche statunitensi.

Punto di riferimento nel mondo della new-economy, Google ha già sborsato 38,8 milioni di dollari per la costruzione di due parchi eolici nel North Dakota e ora ha annunciato di voler finanziare con grandi somme di denaro (il 37,5% della spesa totale) la AWC, Atlantic Wind Connection, un progetto pilota che punta alla realizzazione di un mega impianto eolico in mare aperto, lungo un tratto di oltre 560 chilometri che parte dal New Jersey e arriva fino in Virginia, in una zona in cui le acque sono abbastanza profonde da consentire un’installazione eolica e dove le pale saranno posizionate a 15-20 chilometri dalla costa.

Google ha cosi deciso di potenziare il suo impegno nelle energie verdi che, oltre a migliorare la condizione ambientale, evidentemente danno anche importanti risultati economici.

eolico_google

Il progetto porterà energia pulita e rinnovabile a circa due milioni di famiglie americane e darà i suoi frutti grazie alla potenza dei venti (presenti regolarmente nella zona individuata per la realizzazione dell’impianto) e attraverso l’uso di cavi sottomarini che trasporteranno l’energia elettrica prodotta.
Se tutto questo funzionerà, l’Atlantic Wind Connection diverrà il primo sistema eolico statunitense presente in alto mare.

Crediamo nell’investire in progetti che hanno delle potenzialità e che sono volti alla promozione delle energie rinnovabili. – ha fatto sapere Google dal suo blog ufficialeL’impegno nel voler essere dei precursori e nell’investire in progetti innovativi su larga scala è la chiave del nostro successo come azienda“.

Leggi tutti i nostri articoli su Google

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook