Controlli NAS sugli alimenti venduti su internet

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I carabineri del NAS hanno effettuato diversi controlli presso le sedi fisiche dei principali siti internet che commercializzano alimenti sulla Rete. I controlli, preceduti da un lavoro di monitoraggio, avevano l’obiettivo di ispezionare quelli che sono considerati i 30 principali siti di settore su internet. In 13 casi sono state trovate delle carenze igienico-sanitarie che hanno portato alla denuncia di 14 persone, al sequestro di una tonnellata di alimenti, per un valore di 100.000 euro.
Molto bene. Perché la commercializzazione degli alimenti su internet sembrava godere di troppe libertà, biologico a parte, che è costretto alla certificazione. Ad onor del vero i problemi principali riscontrati sono dovuti alle condizioni di conservazione e trasporto, e quindi esulano da una certificazione.
Un po’ male. perché solo sui 30 siti più importanti ? È probabile che tra questi ci siano commercianti smaliziati ma anche quelli che garantiscono gli standard più elevati (e che per questo, l’utente internet riconosce come i più affidabili e qualitativamente migliori). E 30 verifiche su 27.000 effettuate in un anno sono poche. Quindi più controlli e sui siti più disparati, magari a campione. Inoltre, forse ancora più importante, sarebbe bene sapere quali sono questi siti: potrebbe andarne della nostra salute.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laurea in Economia e Commercio, dal 1998 al servizio dell'Informazione su Internet.
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook