cava_di_argillaUn dossier Legambiente presentato ieri a Catanzaro, ha fotografato lo stato attuale delle cave in Italia, facendo emergerere un quadro complicato dalle inefficienze dello Stato e dalle infiltrazione delle mafie. Ma ad emergere sono soprattutto le perdite della collettività, di svariate centinaia di milioni di euro all'anno.

L'evidenza che balza immediatamente agli occhi sono proprio i guadagni incassati dai cavatori in concessione. A fronte di un guadagno stimato di 1 miliardo 735 milioni di euro all'anno, le 6.000 cave italiane di sabbia e ghiaia, risorse non rinnovabili, pagano mediamente il 4% alle Regioni, per complessivi 53 milioni di euro. In alcune regioni, Valle d'Aosta, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, si cava gratis.

Colpa delle normative, statale del 1927 e regionale del 1977, con l'aggravante che le Regioni, deputate a controllare e a regolamentare, sembrano del tutto disinteressate. Ma non eravamo in crisi ?

Il dossier confronta poi la nostra situazione con quella degli altri paesi, tra cui risalta in particolare l'esperienza del Regno Unito, dove le cave pagano il 20% dei guadagni. Con queste percentuali, in Italia, si incasserebbero 567 milioni di euro.



I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog