green_economy_rapporto

Per accelerare gli investimenti nel settore della green economy urgono incentivi e sgravi fiscali. Questo almeno è quanto auspicato dall'80% delle aziende italiane secondo la nuova ricerca mondiale condotta da Regus che ha interpellato 15.000 professionisti sui temi del “green” e della sostenibilità ambientale.

L'indagine, condotta a livello internazionale in tutti i 5 continenti, mostra come nel Mondo solo il 37% delle aziende misuri realmente le proprie emissioni, percentuale che si riduce ulteriormente al 19% nel caso della valutazione della carbon footprint emessa dalle proprie attività. Così, se il 46% delle aziende interpellate si è dichiarata disposta ad investire in attrezzature a basso impatto ambientale solo se i costi saranno uguali o minori delle attrezzature convenzionali, solo un 40% lo ha già fatto, mentre il 38% è in procinto di farlo.

Rispetto alla media globale, in Italia sono in percentuale minore (18%) le aziende che monitorano le emissioni di CO2 ma di contro è più alta quella che ha investito in attrezzature ad alta efficienza enegetica (41%) mentre è ben del 58% la percentuale delle imprese che hanno già predisposto una policy per investire in strumenti a ridotte emissioni.

L'ostacolo maggiore è costituito anche in Italia dai maggiori costi di funzionamento di queste attrezzature, cosicchè, se il governo predisponesse incentivi fiscali per attrezzature ad elevata efficienza energetica o con ridotte emissioni di CO2, ben l'80% delle aziende sarebbero disposte a virare i propri investimenti nel green.

Discorso questo particolarmente sentito soprattutto dalle piccole e medie imprese che incontrano più delle altre forti difficoltà nella scelta di attrezzature a ridotte emissioni quando devono far fronte a prezzi più elevati

Con l’Italia che non ha rispettato gli obiettivi stabiliti a Kyoto di riduzione del 6,5% delle sue emissioni di CO2 entro il 2008 -12, la diffusione di macchine/apparecchiature ad elevata efficienza energetica con ridotte emissioni di CO2 e delle iniziative di monitoraggio delude ancora per la ridotta entità, in particolare nelle piccole imprese” - commenta Mauro Mordini, Country Manager di Regus Italia - “Eppure le piccole e medie imprese rappresentano la metà del fatturato del paese. Se il governo desidera seriamente perseguire i propri ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni globali di CO2 entro la metà del secolo, è necessario incentivare adeguatamente il cambiamento a tutti i livelli. Al momento, la tecnologia professionale con ridotte emissioni di CO2 è spesso limitata nella gamma e venduta a prezzi superiori. Ciò sta frenando gli investimenti delle aziende. Gli sgravi fiscali daranno un enorme contributo a tal fine, come si evince dall’inchiesta e accelerando la diffusione delle nuove tecnologie si permetterà anche di dare vita a un mercato di massa i cui prezzi unitari saranno ridotti



 

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram